È stato arrestato con l’accusa di omicidio, ricettazione e porto illegale di armi e munizioni il 70enne Dante Sestito, originario di Cutro (Kr) e residente a Cadelbosco Sopra, gestore di un’autofficina di ricambi pneumatici dove è stato ucciso nelle ore scorse il 28enne Salvatore Silipo.

L’uomo è stato bloccato da due carabinieri di una pattuglia della stazione di Castelnovo Sotto che stavano passando vicino all’autofficina. Gli agenti, allertati dalla presenza in strada di un parente della vittima, dopo aver richiesto supporto alla centrale operativa, lo hanno bloccato e disarmato. La pistola revolver smith e wesson calibro 44 magnum, illegalmente detenuta, risultata rubata, è stata sequestrata insieme a 18 colpi di cui uno esploso. La salma è stata posta a disposizione della Procura reggiana che coordina le indagini. Nella notte il sessantenne è stato interrogato negli uffici del nucleo Investigativo a Reggio Emilia dal pm Giannusa alla presenza del legale avvalendosi della facoltà di non rispondere. L’arrestato è stato portato nel carcere di Reggio Emilia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No green pass, migliaia in corteo a Milano. Tensione vicino alla Cgil: polizia impedisce il passaggio davanti alla sede del sindacato

next
Articolo Successivo

Alpinista di 25 anni muore sulla ferrata delle Aquile in Paganella: Aronne Bettoni precipitato per centinaia di metri

next