Immensamente grande, in effetti è il secondo paese più esteso al mondo, pieno di foreste, montagne, e laghi, il Canada è spesso immaginato come una vasta riserva naturale, delimitata solo dagli oceani, dal mar Glaciale Artico e dagli Stati Uniti. Ebbene sì, l’acero ne ricopre un bel pezzo, tanto che la sua foglia è un vero e proprio stemma nazionale, mentre se contiamo le migliaia di fiumi e torrenti che lo solcano e gli spettacolari Grandi Laghi, qui si concentrano circa un quarto delle acque dolci di tutto il pianeta. Le Montagne Rocciose sono delle vere e proprie Alpi su larga scala, fatte di vette, foreste vergini e laghi turchesi, e la sua natura selvaggia offre una casa a ogni sorta di animali, dagli orsi, compresi quelli polari, ai coyote, dal puma al caribou, dal lupo all’alce al bisonte. Ma il Canada è molto più che meraviglie naturali, è un vero melting pot culturale fatto di città vivaci e contemporanee dove la diversità è un punto di forza. Prendete Montreal e Quebec City, importanti e storiche città sulla costa Atlantica, qui si parla francese, la vita notturna non si ferma mai e il tessuto culturale è di quelli che parlano al mondo. Confrontatela con Vancouver, adagiata all’estremo opposto sulla costa ovest, città seducente e cosmopolita che poco ha da invidiare alle vicine cugine statunitensi. E pensate poi alla capitale Ottawa dove le esposizioni d’arte attirano visitatori da ogni dove, e alla vicina Toronto, vera music city contemporanea. Natura dunque, ma anche una società affascinante tutta da scoprire.

Québec, un tocco di Francia

La provincia francofona del Québec è la più grande di tutto il Canada, e per molti la prima a venire in mente quando si pensa a questo grande paese, una specie di nazione dentro la nazione con una lingua e una cultura tutte sue. Basta trascorrere una giornata a Québec City, sulle rive del fiume San Lorenzo, per rendersene conto. Strette vie, una città vecchia fortificata, edifici in pietra e casette colorate: sembra quasi di trovarsi da qualche parte in Europa. Stesso discorso vale per Montreal, altra francesissima con una città vecchia affascinante, una grande propensione per la moda e alcune stranianti presenze come una Basilica di Notre Dame in perfetto stile neogotico. Non lasciatevi però ingannare, l’orgoglio culturale francofono è ben evidente nella letteratura, nella musica, nel teatro e nelle arti, ma questa regione è un vero melting pot culturale che vive di energie creative sempre nuove, festival di fama mondiale e una vita notturna che non si ferma mai. Questa in fondo è la patria dello sciroppo d’acero, e dei più accaniti tra i tifosi di hockey. Poco fuori dalle affascinanti città, vi troverete immersi tra fiordi da attraversare in barca, porti marittimi, e montagne come lo spettacolare Mont Temblant in cui inoltrarvi: diretti al selvaggio nord, nel bel mezzo di una maestosa natura che, come sempre in Canada, colpisce al cuore.

Ontario, la terra delle acque bellissime

Avete presente la famosa baia di Houdson, quell’enorme estensione d’acqua che guarda verso il celebre Passaggio a Nord – Ovest e l’artico? Per complicarvi il lavoro, diciamo che è dove comincia, o finisce, la provincia dell’Ontario, patria di emozionanti avventure nella natura e diversi luoghi fantastici da visitare e scoprire. Un piccolo aiuto, parlando di luoghi emozionanti e posizioni geografiche, lo possono dare le Cascate del Niagara, quello spettacolare salto d’acqua che come tutti sanno – lo sapete, vero? – divide il confine tra Canada e Stati Uniti. L’Ontario si trova proprio qui, tra questi due estremi, e il suo nome pare derivi dalla parola indiana irochese Kanadario, che significa acque bellissime: non solo quelle delle celebri cascate, ma quelle di migliaia di fiumi e torrenti che ne caratterizzano il territorio, insieme ai cinque maestosi Grandi Laghi. Uno dei luoghi che meno si avvicina all’immaginario collettivo in fatto di natura e nord America, talmente vasti (e interconnessi) che per i canadesi sono dei veri e propri laghi interni. Da vedere assolutamente, come Toronto, affacciata proprio su uno di essi, metropoli ricca di vita notturna, esposizioni d’arte e una fiorente scena musicale. E non preoccupatevi del freddo, qui come a Montreal esiste una fitta rete di gallerie che consente praticamente di vivere al riparo dalle intemperie, si chiama The Path e si estende per oltre 30km collegando un migliaio di negozi e botteghe oltre che 50 palazzi in superficie. Tra vita notturna, esposizioni di arte di fama mondiale, e la fiorente scena musicale di Toronto, fino ad Ottawa, la capitale canadese, piena di edifici storicamente significativi.

Il West e le Montagne Rocciose

Non ve l’aspettavate, sono due nomi che solitamente associamo agli Stati Uniti, ma la definizione di Selvaggio West va bene tanto per i vicini States quanto per il Canada. Solo che questo, di west, conserva una natura davvero selvaggia, ha sempre fatto discretamente più freddo, e sulla costa presenta città affascinanti come Vancouver. In questo scenario unico ci sono ancora i cowboy, e le avventurose emozioni non mancano. Prendete le Montagne Rocciose, vette imponenti, prati alpini, laghi turchesi, foreste vergini, imponenti cascate, e vicino città vivaci come Whistler e Banff in cui godersi al caldo lo splendido scenario di montagna. Non manca proprio niente, se pensate che la provincia di Alberta preserva questi splendidi ghiacciai, migliaia di chilometri di sentieri e animali selvatici che vivono indisturbati grazie a cinque enormi Parchi Nazionali. Eppure basta poco, per raggiungere il Pacifico e la costa della British Columbia, per trovarsi di colpo nel seducente scenario offerto dalla metropoli costiera di Vancouver. Una citta cosmopolita, che attira artisti da ogni parte del mondo, e che malgrado la posizione così a nord gode di un clima temperato. Atmosfera accogliente, e la tipica vivacità culturale della costa ovest, insieme a centri termali unici e un affaccio spettacolare sulla Vancouver Island. Con le piste da sci a poca distanza è uno dei pochi posti al mondo dove poter sciare al mattino e andare a vela nel pomeriggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, una città full experience

next
Articolo Successivo

Alla (ri)scoperta del Nuovo Mondo

next