Alcuni dati sensibili di artisti sono già stati resi pubblici nel dark web, mentre a un gruppo di loro, tra cui figurerebbero anche Al Bano e Samuele Bersani, è già stato chiesto un riscatto in cambio della mancata pubblicazione. Mentre la Procura di Roma ha formalmente aperto un fascicolo di indagine per tentata estorsione e accesso abusivo a sistema informatico dopo l’attacco hacker subito alcuni giorni fa dalla Siae, continua l’azione dei pirati informatici per tentare di monetizzare il più possibile il furto delle informazioni degli artisti italiani.

Così, mentre la Polizia postale continua ad andare avanti con le indagini, emerge che al momento solo dati anagrafici e carte di identità di alcuni artisti sarebbero già comparsi sul dark web, ma non i brani inediti. In base a quanto si apprende, inoltre, alcuni cantanti, tra cui appunto Al Bano e Bersani, sono stati vittime di azioni estorsive sulle quali gli inquirenti stanno svolgendo le dovute verifiche.

L’incursione telematica ai danni della Società Italiana degli Autori ed Editori risale al 15 ottobre scorso. L’azione, partita da un indirizzo Ip russo, è stata rivendicata dal gruppo Everest. Sarebbero stati sottratti circa 70 gigabyte di dati corrispondenti a 28mila documenti ed è stato chiesto un riscatto per evitarne la pubblicazione. La richiesta fatta alla Siae è di 3 milioni di euro in bitcoin.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Manuel Bortuzzo senza freni risponde a Lulù Selassìe come nessuno si sarebbe aspettato

next
Articolo Successivo

Ad Alec Baldwin avevano detto che la pistola era sicura. Le prime indagini sull’incidente mortale sul set di “Rust”

next