“L’attuazione del green pass obbligatorio non ha avuto l’effetto di un aumento delle vaccinazioni come speravamo, bensì sono aumentati esponenzialmente i tamponi antigenici”. Così il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, a due giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo di green pass per lavoratori pubblici e privati. “Abbiamo calcolato che sono 6,2 milioni i non vaccinati over 12 in età da lavoro, di questi 4 milioni dovrebbero essere gli occupati e anche se si dovessero vaccinare ora ci vogliono due settimane dalla prima dose per il green pass. Questo significa che dal 15 ottobre dovremo essere in grado di fare 8 milioni di tamponi a settimana, mentre adesso ne facciamo un milione e 200mila, è impossibile che al 15 ottobre tutti abbiano il green pass”. La gratuità dei tamponi? “Il vaccino per questi 4 milioni di persone costerebbe 160 milioni una tantum, il tampone 180 milioni a settimana. Impossibile per il Ssn sobbarcarsi questi costi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, Acciaierie d’Italia pagherà i tamponi degli operai non vaccinati: la partecipata dallo Stato spenderà 1 milione di euro fino a fine anno

next
Articolo Successivo

Covid, sono 1.264 i medici sospesi perché non vaccinati. Il presidente dell’Ordine: “Solo lo 0,27%”

next