“Non ci deve essere più nessuno che possa permettere di far del male a una donna e passarla liscia. Ora posso dire a Martina che il suo papà è triste perché lei non c’è più, ma anche soddisfatto perché il nostro Paese è riuscito a fare giustizia”. Lo ha detto Bruno Rossi, dopo la sentenza della Cassazione, per la morte della figlia Martina, che ha confermato le condanne a tre anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Frecciarossa deragliato a Lodi, la Procura ha chiuso le indagini per 15 indagati e le società Alstom Ferroviaria e Rfi

next
Articolo Successivo

Luca Morisi, l’indagine per cessione di droga va verso l’archiviazione: le chat sul sito di incontri dimostrano che a portarla fu l’escort

next