“Perché un elettore che ha votato per Virginia Raggi dovrebbe votare al ballottaggio per me? Perché noi vogliamo rendere Roma della sostenibilità ambientale, della sfida ecologica, della digitalizzazione, dell’inclusione e penso che ci sia una naturale sintonia tra tutte le forze democratiche ed europeiste sulla visione della città”. Così Roberto Gualtieri lasciando un evento in ricordo a quarant’anni dalla morte dell’indimenticato sindaco di Roma, Luigi Petroselli. Gualtieri evita di rispondere a domande su Giuseppe Conte, ma lo staff ai giornalisti dice: “Lunedì ci sarà un incontro tra la Raggi e Gualtieri”. All’evento era presente anche Massimo D’Alema che dopo aver analizzato le cause del dato basso dell’affluenza alle comunali lancia il suo pronostico: “Fiducioso nella vittoria di Gualtieri perché penso che il bacino elettorale di chi ha votato per Raggi e Calenda sia più orientato verso Gualtieri”. Opposto invece quello dell’ex sindaco Gianni Alemanno che si dice sicuro della vittoria di Enrico Michetti: “Lui ha un grado di empatia e di amore popolare che Gualtieri si sogna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Merkel saluta l’Italia: “Mio amore verso il vostro Paese si manifesterà anche in futuro, ci ritornerò”

next
Articolo Successivo

Lobby nera, la seconda puntata di FanPage: così l’estrema destra milanese ha infiltrato anche la Lega. Tramite Borghezio

next