Continua l’eruzione vulcanica iniziata il 19 settembre sull’isola di La Palma (Canarie): da inizio eruzione, oltre 500 edifici sono stati sepolti dalla lava. Le autorità locali hanno ordinato alla popolazione di alcuni nuclei urbani situati sulla costa di rimanere in casa. Ora si riapre la possibilità che la lava raggiunga il mare, fenomeno che provocherebbe “colonne di vapore d’acqua cariche di acido cloridrico” che potrebbero rappresentare un “pericolo locale”, secondo quanto spiegato dall’Istituto di Vulcanologia delle Canarie. Per precauzione le autorità locali hanno ordinato alla popolazione di alcuni nuclei urbani situati sulla costa ovest di Las Palmas di rimanere in casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ufo, negli Usa nasce un ufficio permanente: una pietra miliare sugli avvistamenti

next
Articolo Successivo

Irlanda, no vax italiano convince malato di Covid a lasciare l’ospedale: lui torna a casa e muore dopo pochi giorni. Aperta un’indagine

next