Una maxi-rissa nel cuore della città con tanto spranghe, coltelli e persino una pistola. È successo la sera del 15 settembre a Livorno, dove due opposte fazioni di nord africani, una quarantina di persone circa, si sono scontrate violentemente in via Buontalenti, all’incrocio con via Cosimo del Fante, seminando terrore tra i residenti. Diversi i feriti, di cui almeno quattro sono state ricoverati in ospedale.

Secondo le testimonianze di chi ha assistito all’accaduto, le due gang avrebbero aperto le ostilità intorno alle 21,30. Calci, pugni, coltellate, sprangate, addirittura una spada e molti dei presenti raccontano di aver sentito chiaramente un colpo d’arma da fuoco: non è chiaro se si tratti di una scacciacani, la stessa che in un filmato postato sui social viene puntata distintamente da uno dei contendenti verso il gruppo rivale. Alcuni bossoli sono infatti stati rinvenuti sull’asfalto nelle ore successive. Ora starà agli investigatori fare chiarezza su questo aspetto così come sulle dinamiche della vicenda: si ipotizza che alla base di tutto ci sia un regolamento di conti.

A dare l’allarme sono stati i residenti, che hanno deciso di chiamare le forze dell’ordine vista la piega da guerriglia che la situazione stava prendendo. Quando carabinieri, volanti della polizia e guardia di finanza sono arrivati sul posto si è scatenato il fuggi fuggi generale e la rissa si è temporaneamente sposta altrove, verso piazza della Repubblica e piazza dei Mille, dove è proseguita per qualche minuto prima che le autorità arrivassero anche lì. Come riporta Il Telegrafo, il bilancio complessivo parla di almeno quattro feriti, di cui due uomini tunisini entrambi con lesioni compatibili con una colluttazione che sono stati accompagnati all’ospedale. Una terza persona presentava invece una ferita da arma da taglio, che gli è valsa un ricovero in pronto soccorso con codice rosso. Intanto, via Buontalenti è stata devastata, con i tavolini dei locali rotti utilizzati come armi e gravi danneggiamenti ad auto e scooter parcheggiati nella zona.

“Hanno preso tutto quello che gli capitava sotto mano e se lo sono tirato”, hanno raccontato ancora spaventati alcuni dei cittadini che hanno assistito alla scena: “Abbiamo visto coltelli, spade e ad un certo punto uno dei contendenti ha tirato fuori una pistola e ha sparato. Scene mai viste”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Gimbe: “Prosegue il calo di contagi e ricoveri. In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati. 3 milioni di over 50 senza una dose”

next
Articolo Successivo

Milano, ladri rubano tetto in rame di un asilo in zona Forlanini: 122 bambini rimasti a casa

next