Ho avuto uno shock scoprendo che sono d’accordo con Belpietro! Per me è stato un vero trauma.

Mi sono anche impegnato a cercare di dargli torto ma non ci sono riuscito quando ha raccontato la storia di un medico di base che si è girato in moto i villaggi e le case sperdute dei suoi 1600 pazienti, convincendoli uno per uno a vaccinarsi. E li ha vaccinati tutti.

Disgraziatamente i nostri politici non hanno ancora compreso l’incredibile potere del dialogo.
Sono talmente convinti che i loro sudditi non capiscano un accidente che non ci provano neanche a convincerli!
Così la campagna di vaccinazione va a rilento e l’obbligo di vaccinarsi sta scatenando una guerra civile a base e insulti e minacce sui social e sui muri.

Esimi virologi laureati su Fb si urlano contro: “Lei non sa chi sono io!”. E probabilmente neanche loro lo sanno.
Non siamo ancora arrivati allo scontro fisico ma già volano i primi pugni.
E qualunque cosa dici ti danno comunque del no-vax o del fascista vaccinatore.

Si dimentica che siamo italiani e dalla caduta dell’impero romano in poi siamo il popolo più indisciplinato e ribelle.
La storia dovrebbe insegnare ai nostri governanti che gli italiani è meglio prenderli con le buone. Bisognerebbe spiegare bene le cose.

Fin dall’inizio dell’epidemia ho pubblicato su questo blog una lettera alla ministra Azzolina proponendo una campagna di informazione che partisse dalle scuole e che chiedesse agli studenti di diventare veicolo di informazione verso le loro famiglie. Citavo l’esperienza della campagna cubana di alfabetizzazione affidata a studenti di 10 anni che andarono a insegnare a leggere e scrivere agli anziani.

Ho ripetuto questo concetto parecchie volte in televisione.
L’allora ministra Azzolina non ha gradito le mie proposte, forse perché troppo comuniste e non mi ha mai risposto. Ha invece deciso di fronteggiare l’epidemia in altri modi, ad esempio comprando migliaia di banchi con le rotelle che indiscutibilmente hanno dato un contributo rotante alla lotta contro il Covid. Infatti, molti studenti hanno evitato il contagio muovendosi lungo i corridoi scolastici tanto velocemente che il virus non li ha raggiunti.

Quando è diventato ministro della scuola Patrizio Bianchi gli ho inviato il testo che avevo scritto alla Azzolina. Mi ha risposto la sua segreteria ringraziandomi e assicurandomi che il ministro è già impegnato strenuamente per migliorare la scuola. Come dire: non abbiamo certo bisogno del parere di un coglione come te!
Grazie.
Loro sono chiusi nella loro torre d’avorio e non bisogna disturbarli.
Il che fa specie specialmente per il M5S che ha preso i nostri voti promettendo una gestione del potere capace di ascoltare la gente.

La nostra classe politica si è però distinta per un altro aspetto: hanno rinunciato ad alcuni strumenti fondamentali di contrasto al Covid. Hanno rinunciato a qualunque controllo sulle persone in quarantena. Se vuoi stai a casa sennò vai dove ti pare. In Cina ti mettono un sensore sulla porta di casa e se esci sono guai. Forse è un metodo da dittatura ma tra il sistema cinese e il nulla si poteva trovare una mediazione.

In molti comuni il tempo che passa tra la richiesta del tampone, perché si hanno sintomi Covid e l’arrivo degli infermieri per il tamponamento è di 2-3 giorni. Quindi i contagiati dal contagiato se ne vanno a spasso ignari a contagiare perché non vengono avvisati.

E ti prego, dimmi dove è finita la app Immuni. Io l’ho scaricata e la tengo nel mio cellulare ma mi pare morta. Eppure sarebbe stato uno strumento formidabile. Ma a discolpa del governo ammetto che se avessero fatto una app veramente efficiente mezza Italia sarebbe insorta per difendere il diritto alla riservatezza.

Quel che poi si dice poco è che le nazioni ricche si rifiutano di occuparsi di vaccinare l’Africa nera e rischiamo che lì si sviluppino nuove varianti più micidiali. In un mondo dove ogni giorno migliaia di persone viaggiano in aereo tra paesi ricchi e paesi poveri è da idioti totali con le bollicine fregarsene di vaccinare zone nelle quali meno del 2% della popolazione è vaccinata. Per colpa di questi ottusi supponenti ci troveremo a vivere in un’era tipo guerra degli zombie?

Possiamo solo affidarci alla pietà di Dio o a colpi di fortuna cosmici. In fondo la Spagnola, che fece più di 80 milioni di morti, se n’è andata da sola dopo 2 anni…
Siamo ottimisti e preghiamo San Gennaro.

Qui gli articoli che ho inviato ai ministri Azzolina e Bianchi:
Cara Azzolina, la scuola ha la responsabilità dei terrapiattisti del Covid-19!
La scuola è noiosa perché non parla dei misteri della scienza – Lettera alla ministra Azzolina
Allo studente non far sapere che la fisica è stupefacente più delle pere!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senza mascherina ci sentiamo ‘nudi’. Per superare il disagio serve un varco

next
Articolo Successivo

No vax, le polemiche sulle violenze hanno alla base due presupposti

next