di Stefano Manganini

Sono rimasto piuttosto perplesso comparando le istruzioni governative britanniche e italiane in merito alle normative Covid per intraprendere un viaggio a Malta. Da un lato le istruzioni britanniche: chiare, dritte al punto e con un linguaggio così comprensibile da renderle fondamentalmente a prova d’idiota. Dall’altro quelle italiane: linguaggio giuridico-burocratico, oscuri riferimenti extra-testuali, spostamento verso l’alto sugli assi diafasico (registro linguistico) e diastratico (livello linguistico legato al ceto sociale), assolutamente ingiustificato visto che si tratta di un testo a uso e consumo dell’intera popolazione italiana (e non).

Ritengo di avere buona padronanza linguistica e non ho avuto problemi a comprendere il testo, ma mi chiedo altri avrebbero pensato la stessa cosa. Sono sempre stato un sostenitore del “parlar forbito”, ma non è forse lecito inferire che questo dolce stil novo da burocrate della prim’ora potrebbe essere uno dei motivi del distacco tra cittadino e istituzioni?

Capisco perfettamente la necessità di utilizzare un linguaggio “asettico” per il funzionamento della macchina giuridico-burocratica, ma è davvero necessario replicarlo anche su un sito internet destinato anche (e soprattutto) a chi sta cercando di organizzarsi una settimana di vacanze? La burocrazia, male assoluto del sistema italiano, va combattuta anche in questo, perché rendere le istruzioni governative incomprensibili a una parte della popolazione è l’anticamera per la diseguaglianza che previene il progresso inclusivo e lo sviluppo socioeconomico.

Non ricorda un po’ quando, nella prima guerra mondiale, i soldati di origini umili non sapevano come agire perché gli ufficiali savoiardi impartivano gli ordini in piemontese? O ancora, quando i preti predicavano in latino a contadini che non li comprendevano mentre stringevano le mani ai ricchi e colti proprietari terrieri locali?

Un paese in cui una fascia della popolazione non capisce il linguaggio delle istituzioni – anche solo per andare in vacanza – è un paese destinato a dare vita a una nuova aristocrazia che, sempre e comunque, impedirà il progresso per tutelare i propri interessi di casta. Certo, sarebbe bello un paese in cui tutti sanno comprendere e utilizzare il linguaggio giuridico-burocratico quando necessario, ma nel frattempo non ci si potrebbe venire un po’ incontro?

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Islam e Italia, viviamo una stagione complicata e lo si vede anche facendo zapping tra reti televisive

next
Articolo Successivo

La ‘tua’ libertà no vax finisce quando mancano i ‘nostri’ posti in terapia intensiva

next