Questa non è Saigon. Gli Stati Uniti sono riusciti nella loro missione di fermare gli attacchi terroristi. Semplicemente non è nel nostro interesse rimanere in Afghanistan”. Nel giorno della resa incondizionata dell’Occidente, con i guerriglieri talebani che entrano trionfanti a Kabul e annunciano la proclamazione di un emirato islamico, il segretario di Stato Usa Anthony Blinken riesce ancora a cantare vittoria. “Eravamo in Afghanistan per un scopo preciso: bloccare le persone che ci hanno attaccato l’11 settembre del 2001”, dichiara alla Cnn, difendendo la scelta di Washington di ritirare le truppe. “L’idea che lo status quo avrebbe potuto essere mantenuto lasciando lì le nostre forze, penso sia semplicemente sbagliata“. E si dice sicuro che l’offensiva talebana sarebbe iniziata “indipendentemente dalla presenza militare degli Stati Uniti. Manterremo in atto nella regione la capacità di vedere se ci sarà l’emergere di una minaccia terroristica e saremo in grado di affrontarla”, spiega. E scarica la responsabilità della disfatta sulle forze armate afghane – addestrate dagli Usa nel corso ultimi vent’anni – che, dice, “non sono state in grado di difendere il Paese”.

Appena l’8 luglio, peraltro – poco più di un mese fa – il presidente statunitense Joe Biden aveva parlato della situazione in Afghanistan durante una conferenza stampa, mostrandosi ottimista sulle capacità del governo locale di mantenere il controllo della situazione dopo il ritiro degli Stati Uniti dal Paese. Biden aveva detto che la vittoria dei talebani “non è inevitabile”, spiegando che l’esercito afghano era composto da 300mila soldati ben equipaggiati e poteva contare sull’aiuto dell’aeronautica militare, mentre i miliziani talebani erano solo 75mila. “Ho fiducia nelle capacità dell’esercito afghano“, spiegava, “che è meglio addestrato, meglio equipaggiato e più competente su come si porta avanti una guerra”. E a chi gli proponeva il paragone tra la ritirata dall’Afghanistan e quella dal Vietnam, si spingeva a rispondere: “Non ci sono possibilità che vediate persone che vengono evacuate dal tetto dell’ambasciata statunitense in Afghanistan”. Proprio quello che invece sta succedendo in queste ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

I talebani sono a Kabul, è la resa dell’Occidente: il presidente in fuga, “sarà proclamato l’Emirato Islamico”. Esplosioni nella capitale, evacuazioni Usa e Ue

next
Articolo Successivo

Afghanistan, “i talebani stanno cercando le persone casa per casa”. La resa di Kabul, l’Onu denuncia: notizie spaventose. Caos all’aeroporto, la missione tedesca non può atterrare – LA DIRETTA

next