Brutta sorpresa al rientro in Italia per Lorenzo Zazzeri, argento a Tokyo 2020 nella staffetta 4×100 stile libero. Il nuotatore è stato derubato proprio del borsone con tutti i ricordi delle Olimpiadi: è successo verso l’ora di pranzo del 2 agosto, mentre festeggiava a Firenze con gli amici della sua società, vicino alla piscina di Bellariva. È stato lo stesso Zazzeri a dare notizia dell’accaduto su Instagram spiegando che aveva lasciato l’auto davanti alla piscina di Bellariva, dove si era recato per festeggiare con i compagni e amici della società Rari Nantes Florentia. Quando è tornato alla vettura, la scoperta: vetro infranto e il borsone di Tokyo 2020 scomparso. Dentro c’erano tutti i ricordi dell’ avventura olimpionica ad eccezione della medaglia d’argento, che per fortuna aveva al collo per scattare foto e selfie con gli amici.

“Il 2 agosto, verso le 13:30 hanno sfondato il vetro della mia auto di fronte alla Piscina Bellariva di Firenze. Mentre ero passato a salutare i miei compagni di squadra, Rubando i ricordi delle mie olimpiadi, compresa la GoPro e l’iPad con tutti i video delle Olimpiadi ed i souvenir per la mia famiglia”, ha scritto sui social Zazzeri. Poi l’appello: “Faccio un appello ai ladri, se mai leggerete tutto questo, vi chiedo di restituire i miei ricordi alla Piscina di Bellariva e tenervi tutto ciò di materiale che possa servirvi. Sono disponibile anche a pagare un ‘riscatto’ pur di riaverli. Sono distrutto, Fate girare”. Un appello condiviso anche dal sindaco di Firenze Dario Nardella, che su Twitter ha scritto: “A Lorenzo Zazzeri, il nostro campione olimpico appena tornato in Italia, sono stati rubati i ricordi dell’esperienza di Tokyo 2020. Mi unisco al suo appello: chi ha rubato, restituisca. Un gesto così brutale non può cancellare i suoi fantastici successi. Firenze è con te Lorenzo!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chadia Rodriguez, la rapper indagata con la banda degli scippatori con lo spray al peperoncino. Gli avvocati: “Mai pervenuta notifica”

next
Articolo Successivo

Pizze consegnate con ritardo di mezz’ora, la cliente le prende e non paga. Salvo Veneziano: “Sono molto innervosito”

next