Dalla Francia, che è tornata a superare la soglia dei mille pazienti ricoverati in terapia intensiva, arrivano nuovi dati che marcano ancora una volta la differenza tra vaccinati e non vaccinati malati di Covid-19. Le evidenze sono state sviluppate dalla direzione di ricerca, studi e valutazione delle statistiche (Drees), citato da Le Figaro, e prende in considerazione i ricoveri causa Sars-Cov-2 fra il 31 maggio e l’11 luglio. Delle persone entrate in ospedale, l’85% non era vaccinato e in un altro studio dello stesso istituto l’80% dei contagiati fra il 28 giugno e il 4 luglio risultava non vaccinato.

Il Drees ha diviso i ricoverati in quattro classi a seconda che fossero non vaccinati, vaccinati con una sola dose da meno di 14 giorni, una sola dose da oltre 14 giorni o due da meno di sette, completamente vaccinati. Nel periodo considerato, fra gli oltre 6700 ricoverati in corsia e 1700 in terapia intensiva, rispettivamente l’84 e l’85% appartenevano alla categoria dei non vaccinati. Solo il 7% dei pazienti, anche in terapia intensiva, era completamente vaccinato. Considerando lo stesso lasso temporale, i morti sono stati 926, di cui 720 non vaccinati. Solo l’11% dei deceduti era completamente vaccinato. Infine lo studio sottolinea come la recente ripresa dei ricoveri sia dovuta soprattutto ai non vaccinati. In media fra il 5 e l’11 luglio, vi sono stati al giorno 50 ricoverati non vaccinati e sei vaccinati. Nello stesso periodo la media giornaliera dei ricoveri in terapia intensiva è stata di 15 non vaccinati e un immunizzato.

Ricoveri in terapia intensiva e vaccini – Intanto in Francia, secondo i dati di Public Health France, è stata di nuovo superata la soglia dei mille pazienti gravi di Covid-19 ricoverati in terapia intensiva, mentre il numero giornaliero di nuovi contagi registrato il 29 luglio era superiore a 25mila. I reparti di terapia intensiva contano 1.015 pazienti, rispetto ai 992 di mercoledì e agli 868 di una settimana fa, con 91 nuovi ingressi tra mercoledì e giovedì. Questo indicatore era sceso sotto la soglia di mille dopo il 6 luglio (1.032 pazienti), prima di iniziare a salire lentamente. In lieve aumento anche il numero dei ricoveri, con 7.236 pazienti giovedì contro 7.208 mercoledì e 501 nuovi ricoveri dal giorno prima. La malattia ha ucciso 29 pazienti in 24 ore portando il totale dei decessi a 111.795 dall’inizio della pandemia. Sul fronte vaccinale, dall’inizio della campagna alla fine del 2020, 41.674.094 persone hanno ricevuto almeno un’iniezione (ovvero il 61,8% della popolazione totale) e 34.758.961 persone hanno ora un programma vaccinale completo (ovvero il 51,6% del totale popolazione), ha affermato in una nota la Direzione generale della Sanità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, maxi multa da 746 milioni in Lussemburgo per violazione delle norme sulla privacy. L’Azienda annuncia ricorso

next
Articolo Successivo

In Grecia corre la variante Delta: Mykonos e Ios vicine a nuove restrizioni. Contagi in salita tra i giovani

next