Mario Draghi guida la classifica di gradimento dei leader: rispetto a maggio scorso, secondo l’ultima rilevazione di Demos per l’Atlante politico di Ilvo Diamanti su Repubblica, cresce da 75 a 77 punti e raggiunge il livello più alto toccato da un politico negli ultimi cinque anni. In seconda posizione c’è ancora Giuseppe Conte che, seppur perdendo 9 punti di gradimento per effetto del lungo mese di lotte interne nel M5s, si ferma a 59. E viene raggiunto a pari merito dal presidente leghista del Veneto Luca Zaia che fa un balzo di 6 punti.

Terzo è ancora il ministro Roberto Speranza, stabile al 52. Subito dopo arriva la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni con il 51 (+3 punti) che sale di posizione. Appena dietro arriva Paolo Gentiloni (48), mentre ottengono 44 punti di gradimento Matteo Salvini (-1), Dario Franceschini e Stefano Bonaccini. Dietro al 42 Silvio Berlusconi, mentre perde consensi Enrico Letta, neo segretario Pd, che scende dal 44 al 40. Ultimi in classifica: Matteo Renzi al 26 (anche se ottiene un + 7 rispetto a maggio) e Beppe Grilo all’11 (-1).

Demos ha anche dedicato un focus alle dinamiche interne dell’elettorato M5s. A poche ore infatti dalla pace raggiunta tra il fondatore M5s e Conte, gli elettori 5 stelle confermano l’appoggio all’ex premier con il 71% degli intervistati che lo vuole come leader M5s. Una scelta confermata anche dal fatto che, continua Diamanti, è salita la percentuale di chi, tra gli elettori 5 stelle, chiede un capo politico\leader (da 60 a 65) e diminuisce chi crede nel direttorio (da 37 a 30).

Per quanto riguarda invece i consensi per i partiti, i primi tre si contendono la vetta e li distanzia meno di un punto percentuale. Prima la Lega che però, rispetto a maggio scorso, passa dal 21,3% dei consensi al 20,5%. Dietro solo dello 0,5% Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni cresce di quasi 2 punti e fa un nuovo scatto dal 18,2 al 20,1%. Flessione per il Partito democratico che dal 20,1% passa al 19,7%. In calo anche il Movimento 5 stelle, dal 17,7 al 15,3%. Guadagna lo 0,4 per cento Forza Italia che arriva all’8, tornando sui livelli di marzo scorso. In coda Leu-La Sinistra al 3,7; Azione e Italia viva entrambe al 2,5%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Breve la vita felice degli eroi di Wembley, usati come testimonial dalla politica

next
Articolo Successivo

Milano, il centrodestra litiga davanti alle telecamere. La Russa bisticcia con Licia Ronzulli e Salvini nega l’evidenza: “Più uniti che mai”

next