Ha avuto esito negativo l’alcol test di uno dei due turisti tedeschi che sabato sera nelle acque del Lago di Garda hanno travolto una barchetta in legno uccidendo i giovani che si trovavano a bordo, Umberto Garzarella e Greta Nedrotti. Mentre, l’altro ha rifiutato di sottoporsi alle analisi. Il test, infatti, non è obbligatorio quando si tratta di incidenti nautici. Questo è ciò che emerge al momento dalle indagini che gli inquirenti stanno svolgendo per accertare la dinamica dell’incidente a Salò, sulla sponda bresciana del Lago di Garda.

I due turisti, già rientrati in Germania, non si sono fermati dopo l’impatto del loro motoscafo con il gozzo in legno su cui erano fermi i due giovani. “Abbiamo lasciato la barca al porto e abbiamo continuato la serata perché nemmeno immaginavamo di aver ucciso due persone. Eravamo convinti di aver colpito un ramo o al massimo uno scoglio” hanno riferito i due turisti tedeschi ora indagati per doppio omicidio colposo e omissione di soccorso. È stato il loro legale, Guido Sola, a dare la notizia della morte dei due giovani ai suoi assistiti che – precisa – “non sono scappati, il rientro a Monaco di Baviera era già previsto per domenica sera e sono rientrati lunedì dopo essersi messi a disposizione degli inquirenti”. “Sono stati collaborativi” ribadisce l’avvocato, anche se gli stranieri sembrano non ricordare chi dei due fosse alla guida al momento dell’impatto e uno dei due ha rifiutato di sottoporsi al test.

Nella giornata di domenica il proprietario del motoscafo era stato arrestato dai carabinieri, ma nella notte è stato poi rimesso in libertà perché appunto gli inquirenti non avevano certezze che fosse lui ai comandi dell’imbarcazione, oggi sotto sequestro. Una delle ipotesi è che le vittime stesse dormendo quando il motoscafo li ha travolti provocando la morte sul colpo del 37enne, mentre il corpo della 25enne è stato ritrovato a circa cento metri di profondità con le gambe parzialmente amputate. Il legale ha nominato un consulente che prenderà parte all’autopsia disposta dalla Procura di Brescia sul corpo dei due ragazzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lago di Garda, attesa per i risultati dell’alcol test dei turisti tedeschi. “Sono già rientrati in Germania”

next
Articolo Successivo

Roma, uomo di 41 anni ucciso a coltellate in zona San Giovanni. Ritrovata l’arma ma nessuna traccia del killer

next