La Fbi è riuscita a limitare i danni economici seguiti all’attacco degli hacker russi al Colonial Pipeline, il maggior oleodotto americano. Secondo quanto riporta la Cnn, infatti, i federali hanno recuperato una parte dei 4,4 milioni di dollari in criptovaluta pagati come riscatto per sbloccare i sistemi informatici messi fuori uso dagli esperti pirati del web. Un’operazione della quale gli agenti daranno maggiori informazioni in una conferenza stampa.

Il 7 maggio scorso c’era stato l’attacco degli hacker che avevano di fatto bloccato l’importante oleodotto Usa che rifornisce benzina e gasolio verso l’area Nord Est del paese. Il complesso era stato colpito da un ransomware, vale a dire un software malevolo generalmente introdotto attraverso l’apertura di allegato di una semplice e-mail che blocca i sistemi informatici finché non viene pagato un riscatto, generalmente in bitcoin o altre valute digitali. L’attacco era stato rivendicato dall’organizzazione di criminali informatici Darkside, organizzazione dell’Est Europa operativa da tempo e con una lunga lista di “colpi” al suo attivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, l’Oms vuole una svolta sulla redistribuzione ai Paesi poveri. Usa: “Da noi 80 milioni di dosi entro la fine di luglio”

next
Articolo Successivo

Canada, auto contro famiglia musulmana: 4 morti e un ferito grave. Arrestato un 20enne: “Atto premeditato per motivi religiosi”

next