Il 13 marzo del 2020 aveva scatenato un putiferio con le sue dichiarazioni sul fatto che, a suo dire, gli italiani stanno usando la pandemia di Coronavirus come scusa per fare una “lunga siesta”: “Queste parole potrebbero sembrare un po razziste e dovrete scusarmi, ma non pensate che il Coronavirus sia un po’ una scusa? Gli italiani usano delle scuse per chiudere tutto e smettere di lavorare di lavorare per un po’, per avere una lunga siesta”, aveva detto durante un’intervista all’emittente Fubar Radio mentre in Italia la pandemia di Covid iniziava a far sentire la sua portata distruttiva. Ora, a oltre un anno di distanza, il conduttore del programma inglese Malattie Imbarazzanti, il dottor Christian Jessen, 44 anni, è tornato alla ribalta perché ha fatto sapere di esser finito sul lastrico, “in bancarotta”.

E, neanche a dirlo, a ridurlo “al verde”, come si suo dire, sono state proprio altre sue improvvide dichiarazioni che gli sono costate un’accusa di diffamazione da parte della prima ministra nordirlandese uscente, Arlene Foster. Nei mesi scorsi, Jessen aveva infatti pubblicato un tweet in cui tacciava la Foster di una relazione extraconiugale: i giudici hanno dato ragione a quest’ultima confermando la diffamazione e condannando il conduttore a pagare circa 150mila euro di risarcimento alla ex leader del partito unionista nordirlandese.

Sono soldi che non ho. Vi chiedo dunque di aiutarmi a pagare questo debito”, ha ammesso Christian Jessen sui social, lanciando una raccolta fondi su GoFundMe. “Ho testimoniato alla corte sulla mia salute mentale e sulla mia situazione personale nell’ultimo anno, ma sono stato condannato a pagare i danni per diffamazione e l’intero indennizzo delle spese legali sostenute da lei, che sono sostanziali – ha spiegato -. Sto valutando un appello e sto cercando di raccogliere fondi per combattere quella che è una situazione molto ingiusta”. Riuscirà a raccogliere la cifra necessaria?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kate Winslet dice no al ritocco in una serie tv: “Non osate”. Volevano ridurre la “pancia gonfia” e cancellare le rughe

next
Articolo Successivo

Pino Daniele, la figlia ricorda il padre e lo zio morti allo stesso modo: il messaggio commovente

next