Stralciato a Roma il martedì, non a Milano il mercoledì. Il Tribunale del capoluogo lombardo ha respinto le istanze di accusa e difesa che chiedevano di separare la posizione di Silvio Berlusconi da quella degli altri 28 imputati per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza nel filone milanese del processo Ruby ter. “Tutte le parti concordano sulla sussistenza del legittimo impedimento per ragioni di salute, stimato come temporaneo e di durata non superiore a 90 giorni”, recita l’ordinanza. Il procedimento è stato aggiornato per tutti all’8 settembre prossimo, “saltando” quattro udienze che avrebbero dovuto tenersi fino a luglio. La decisione è opposta a quella assunta nemmeno un giorno prima dai giudici di Roma, i quali – per quanto riguarda la propria tranche – hanno considerato Berlusconi “assolutamente impedito a comparire”.

Intervenendo in aula a Milano, la procuratrice aggiunta Tiziana Siciliano ha addirittura sollevato dubbi sulla capacità dell’ex premier di stare in giudizio, citando tre diverse consulenze prodotte dalla difesa sulle sue patologie, di cui – oltre a quella relativa agli strascichi del Covid – “una è psicologica e un’altra è psichiatrica-neurologica“. “Ritengo – ha detto – che emerga un quadro che merita particolare attenzione e mi domando sin da ora se non sia necessaria una valutazione in termini di accertamento, anche peritale, della capacità del dottor Berlusconi di partecipare al dibattimento. Le sue condizioni di salute sono un segreto di Pulcinella e non devono essere ammantate di eccessiva riservatezza, ma depositate agli atti e accessibili alle parti”.

Il presidente del collegio, Marco Tremolada, ha chiarito che la Procura potrà chiedere di disporre una perizia in questo senso alla prossima udienza, cosa che Siciliano ha anticipato di voler fare. Il giudice si è poi detto “ottimista” sul fatto che il processo possa effettivamente riprendere a settembre. Ai cronisti che gli hanno chiesto se il quadro delle condizioni di salute del suo assistito fosse “serio”, il difensore di Berlusconi, Federico Cecconi, ha risposto di sì. Lui stesso ha depositato un nuovo parere medico-legale che risale a domenica scorsa. Alla richiesta di approfondire i riferimenti alle patologie neurologiche e psichiatriche fatti in aula, il legale ha risposto: “Non faccio commenti su questo, ha parlato il pm”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Funivia Mottarone, dalle indagini tecniche all’interrogatorio dei dipendenti: ecco come si è arrivati ai fermi. Il racconto del comandante

next
Articolo Successivo

Virginia Raggi, l’assoluzione è definitiva: la procura generale non ha fatto ricorso in Cassazione

next