Al Consiglio europeo “ho sollevato il problema delle migrazioni, assente dall’agenda per parecchio tempo. Mettere a dormire un problema non lo fa sparire“. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa al termine del Consiglio europeo a Bruxelles, sottolineando che il tema “sarà messo in agenda nel prossimo Consiglio“. “Registro il sostegno anche di Paesi finora rimasti indifferenti, non voglio spingermi nel parlare di progressi ma spero che la buona volontà si traduca in fatti. I primi passi sembrano dimostrare una certa consapevolezza che occorra una risposta solidale non indifferente. Si pensa a nuovi corridoi umanitari, per ora sappiamo che saremo da soli fino al prossimo Consiglio europeo. Sta a tutti noi prepararlo bene”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi ai condannati, nell’aula del Senato si discute la mozione di 5 stelle e Pd che impegna Casellati a intervenire

next