Festa rovinata per Antonio Conte, Javier Zanetti e Paolo Bonolis. I tre interisti avevano appena finito di cenare insieme al Botinero, ristorante argentino di proprietà di Zanetti a Brera, quando è arrivata la polizia che li ha identificati per violazione del coprifuoco. È successo nella serata di domenica 23 maggio a Milano: allenatore, vicepresidente del club e tifoso dell’Inter si erano ritrovati a celebrare il 19esimo scudetto nerazzurro quando, pochi minuti dopo le 23, qualcuno degli altri clienti presenti nel locale ha scattato una foto al gruppo e inviato la segnalazione alla polizia tramite l’app YouPol.

“Il ristorante Botinero è ancora aperto. Al tavolo ci sono Zanetti, Conte e Bonolis che stanno cenando. Le regole valgono per tutti? Vi prego di controllare“, è il messaggio arrivato alla centrale secondo quanto riferisce il Corriere della Sera. Quando una volante della polizia è arrivata sul posto, in via San Marco, erano le 23.15 e Zanetti, Conte e Bonolis erano sul marciapiede, già fuori dal locale, che si stavano salutando. Sempre secondo il Corriere, per loro non dovrebbe scattare nessuna multa dal momento che avevano già pagato il conto e stavano per rientrare a casa in una fascia oraria “di tolleranza”, come la definisce il quotidiano milanese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Partita del Cuore per la prima volta a Mediaset, è polemica. Enrico Ruggeri: “Rai disinteressata, qui beneficeremo persino del ‘protocollo Champions'”

next
Articolo Successivo

Aurora Leone dei The Jackal: “Cacciata dalla Partita del Cuore perché donna”. La replica durissima: “Arroganza e bugie”, poi il post viene rimosso

next