di Jakub Stanislaw Golebiewski*

Inizia a dare i primi frutti il Family Act (ddl “Misure per il sostegno e la valorizzazione della famiglia”), la legge delega che prevede una riforma degli strumenti a sostegno delle famiglie, mettendo ordine fra i sussidi attuali e quelli che confluiranno nell’assegno universale.

La proposta di legge con la delega al Governo per riordinare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’assegno unico e universale è stata già approvata dal governo Conte bis lo scorso luglio alla Camera e ha terminato il suo iter parlamentare con l’inserimento nella Legge di Bilancio 2021. Con la conversione in legge del Decreto Sostegni (dl 41/2021) viene introdotto un nuovo bonus per genitori separati e per un importo massimo di 800 euro. È sicuramente un fondamentale e necessario ulteriore sostegno, soprattutto per coloro che non sono in grado di pagare a tempo debito l’assegno di mantenimento.

Nel dettaglio, il bonus spetterebbe: ai genitori lavoratori separati o divorziati che a causa della pandemia hanno cessato, ridotto o sospeso l’attività lavorativa, interrompendo così il versamento dell’assegno di mantenimento.

In questi mesi si è parlato molto di questo tema, vista l’impossibilità concreta per alcuni genitori – ossia per quelli che hanno pagato in prima persona le conseguenze economiche del Covid – di corrispondere con puntualità il dovuto di mantenimento. A tal proposito, in molti si sono rivolti al giudice per chiedere la riduzione degli obblighi; in alcuni casi il Tribunale ha effettivamente valutato la fondatezza dei motivi e di conseguenza ha ridotto l’onere.

L’emergenza sanitaria e la crisi economica che ne è derivata, infatti, integrano gli estremi del “fatto notorio”, ossia una “comune esperienza” che ha riguardato fatti acquisiti dalla collettività con tale grado di certezza da apparire indubitabile e incontestabile. Non tutti i giudici, però, hanno deciso allo stesso modo: alcuni Tribunali hanno sì ridimensionato gli importi degli assegni di mantenimento, ma altri hanno adottato soluzioni più rigide non facendo alcuno sconto al genitore. Nella maggior parte dei casi, è bene ricordarlo, è solitamente il padre ad essere obbligato al versamento dell’assegno di mantenimento: ci sono stati casi in cui, benché fosse in cassa integrazione o avesse addirittura perso il lavoro, il giudice non gli è andato incontro in nessun modo.

Quella dei genitori separati o divorziati è una realtà che la politica nel tempo sta emarginando e allontanando sempre più dalla realtà economica e sociale del nostro paese. Eppure il bacino elettorale composto dai genitori separati è in costante aumento. Nell’anno della pandemia le richieste di divorzio sono aumentate quasi del 60% rispetto agli anni precedenti. Chi ha deciso di prendere politicamente a cuore questa difficile situazione sta lavorando su un doppio binario: da una parte il Consiglio dei Ministri si prepara ad approvare il Decreto Sostegni bis che mette a disposizione 40 miliardi, dall’altra il Parlamento sta cercando di convertire in legge il Decreto Sostegni.

Andando a dare un’occhiata all’articolato e al testo dell’emendamento, per ora è possibile solo constatare che dal momento in cui ci sarà la conversione in legge del dl 41/2021 sarà necessario che il Consiglio dei Ministri emani un decreto attuativo, attraverso il quale dovrebbero essere definite tutte le modalità di erogazione del bonus, istituito grazie a un apposito fondo da 10 milioni di euro. Si allungano i tempi invece per l’assegno unico per le famiglie, che partirà solo da gennaio 2022 e non dal prossimo luglio, come era previsto. Per sei mesi saranno ancora erogati assegni famigliari e bonus bebè. Dal 1° luglio però saranno raccolte le domande per il nuovo assegno universale.

Il Decreto Sostegni va quindi a risolvere, seppur parzialmente, questo problema, andando a istituire un fondo dal quale potranno attingere quei genitori che nell’ultimo anno hanno avuto difficoltà a versare l’assegno di mantenimento. Ciò dovrebbe avvenire celermente perché la politica dovrebbe raggiungere un altro importante obiettivo – o meglio, più che un obiettivo: la semplificazione amministrativa per molti ormai è considerata una vera e propria esigenza. In momenti emergenziali, come l’attuale pandemia da Covid-19, snellire le procedure burocratiche può portare enormi benefici a tutti, anche ai genitori separati e in gravi difficoltà.

* presidente dell’associazione “Padri in Movimento”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Centinaia di sacerdoti tedeschi benedicono coppie gay: la protesta contro il Vaticano

next