Nato a Livorno nel 1955, funzionario del Parlamento europeo, poi europarlamentare per due mandati tra il 1994 e il 2004 con i Radicali. Candidato non eletto né alla Camera e nemmeno al Senato, nel 2006 diventa capo di gabinetto di Emma Bonino, fino al 2008 Ministro per le Politiche europee del secondo governo di Romano Prodi. Quindi, nel 2009, ecco il grande salto: viene nominato direttore della delegazione di Confindustria presso l’Unione europea a Bruxelles. Incarico che ricopre fino al 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Orlando: “Smartworking è grande innovazione. Già lavoro per dargli un perimetro di certezza”

next