/ di

Giuseppe Pipitone Giuseppe Pipitone

Giuseppe Pipitone

Giornalista

Siciliano di mare aperto che si appassiona ad inspiegabili scogli, sono stato redattore de I Quaderni de L’Ora, mensile d’inchiesta palermitano erede dello storico quotidiano antimafia del pomeriggio. Dal 2010 scrivo sul Il Fatto Quotidiano, occupandomi di giudiziaria, politica, inchiesta e varia umanità. Per Editori Riuniti ho scritto Il Caso De Mauro, che poi era anche la mia tesi di laurea. Per la Rai ho realizzato Maxi +25, reportage sul Maxi Processo 25 anni dopo. Con Trattativa? Nenti sacciu! ho vinto Generazione Reporter, il premio per giornalisti emergenti ideato da Michele Santoro, mentre nel 2013 sono stato finalista del premio Roberto Morrione, sezione del premio Ilaria Alpi. Nel 2014 mi è stata assegnata la Menzione Speciale del Premio Giornalismo d’Inchiesta Gruppo dello Zuccherificio. “La Juve è in vantaggio”, è probabilmente una delle frasi più felici mai udite nella mia infanzia, alla radio e non solo. Il sogno nel cassetto? Scrivere un romanzo. Prima o poi ci proverò.

Articoli di Giuseppe Pipitone

Giustizia & Impunità - 6 dicembre 2018

Cucchi, Anticorruzione indaga sulle ritorsioni a Casamassima: “Accertare violazione legge sul whistleblowing”

Il caso di Riccardo Casamassima rischia di essere la prima seria violazione della legge sui whistleblowing, cioè la norma che tutela i dipendenti pubblici che denunciano illeciti. Di più: le presunte ritorsioni subite dal carabiniere che ha fatto riaprire il processo su Stefano Cucchi potrebbero essere sanzionate dall’Autorità Anticorruzione. Lo scrive Raffaele Cantone rispondendo a Davide Galantino, […]
Cosa Nostra - 4 dicembre 2018

Mafia, una Cupola collegiale e il divieto di tradire la moglie: così dopo Riina Cosa nostra è tornata alle vecchie regole

Non solo una nuova commissione con un nuovo capo dei capi. Ma anche una “cosa scritta”, cioè la verbalizzazione delle vecchie regole dell’onorata società che boss e gregari sono tenuti di nuovo a rispettare. Compreso uno dei precetti più antichi: un uomo d’onore non può avere relazioni extraconiugali, altrimenti è fuori dall’organizzazione. Una regola che […]
Giustizia & Impunità - 8 novembre 2018

Prescrizione, come funziona in Europa: in Francia stop a ogni azione giudiziaria. In Germania norme più dure per i politici

In Francia il termine per i reati più gravi è di dieci anni ma può essere bloccato a ogni azione giudiziaria. In più una riforma del 2012 ha praticamente reso imprescrittibili gran parte delle pene. Anche in Germania si blocca a ogni azione giudiziaria, e quando l’indagato è un politico è calcolata dal momento in cui […]
Giustizia & Impunità - 5 novembre 2018

Prescrizione, quando a chiedere la riforma era l’Europa: “Ostacola lotta a corruzione. Stop dopo il primo grado”

“Il termine della prescrizione ostacola la lotta contro la corruzione“. Perché “incentiva tattiche dilatorie da parte degli avvocati” e il risultato è che “un’alta percentuale di cause cade in prescrizione dopo la condanna di primo grado“. E quindi se “la questione non sarà affrontata, la fiducia dei cittadini e degli investitori nello Stato di diritto potrebbe diminuire”. Non sono […]
Giustizia & Impunità - 30 ottobre 2018

Carceri, nella riforma scompare il riferimento alle foto dei detenuti pestati: “Ma per i medici c’è obbligo di referto”

Erano quattro semplici parole e avrebbero consentito espressamente ai medici di fotografare quei detenuti con segni sul corpo che fanno pensare a violenze o pestaggi subiti. Come Stefano Cucchi, solo per citare uno dei casi recentemente tornati al centro della cronaca. Solo che quelle quattro parole sono scomparse dai decreti legislativi di riforma dell’ordinamento penitenziario, pubblicati in  […]
Politica - 23 ottobre 2018

Sicilia, l’Antimafia convoca Crocetta su Montante. Lui: “Sono all’estero”. Ma Fava: “Falso. Si trova a pranzo all’Ars”

Ha detto non potere comparire davanti alla commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana che sta indagando sul caso di Antonello Montante. Il motivo? Si trova all’estero. Peccato che nella stessa giornata pare sia invece a pranzo a Palermo, e più precisamente al ristorante della stesso Parlamento isolano. A soli due piani di ascensore della commissione che […]
Televisione - 23 ottobre 2018

Mafia, la Rai lancia Maxi processo: la Norimberga di Cosa nostra diventa una fiction televisiva

Era una storia da film, anzi da fiction, con i suoi protagonisti, i colpi di scena, i buoni e i cattivi. Soprattutto i cattivi: erano più di 400 quelli alla sbarra dell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. L’avevano ribattezzata l’astronave verde: un nome perfetto che sembrava uscito da un libro o da un film […]
Cosa Nostra - 20 ottobre 2018

Via d’Amelio, il pm Petralia: “Contrada e i vertici del Sisde a pranzo con i magistrati di Caltanissetta durante le indagini”

I vertici dei servizi segreti guidati da Bruno Contrada andavano a pranzo con quelli della procura di Caltanissetta durante le prime indagini sulla strage di via d’Amelio. Incontri conviviali con magistrati e 007 seduti allo stesso tavolo mentre si andava delineando quello che i giudici della corte d’Assise nissena hanno definito come uno “dei più grandi […]
Politica - 4 ottobre 2018

Anticorruzione, il testo all’esame della Camera: il daspo varrà anche per le società. Ok ai “pentiti delle mazzette”

Il daspo Anticorruzione non varrà solo per le persone ma anche per le società. Lo prevede il ddl del guardasigilli Alfonso Bonafede che comincia oggi il suo esame alla Camera dei deputati. Dopo vari ritocchi e modifiche il testo approvato dal Consiglio dei ministri il 6 settembre scorso è composto da dieci pagine e dodici […]
Cosa Nostra - 3 ottobre 2018

Trattativa, la procura non fa appello: definitiva l’assoluzione di Mancino. Lui: “Felice ma non richiamerei D’Ambrosio”

“Deo gratias“. A rispondere al telefono di Nicola Mancino – come spesso accade – è la moglie, che commenta in questo modo l’assoluzione diventata definiva per il marito. La procura di Palermo, infatti, non ha appellato la sentenza della corte d’Assise sulla Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra. L’ex presidente del Senato era accusato di […]
Stefano Cucchi, un carabiniere conferma in aula: “Le note sulla sua salute furono modificate per ordine del maggiore”
Milano, uccisero due connazionali a colpi di pistola dopo inseguimento in auto: condannati cinque albanesi

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×