/ di

Giuseppe Pipitone Giuseppe Pipitone

Giuseppe Pipitone

Giornalista

Siciliano di mare aperto che si appassiona ad inspiegabili scogli, sono stato redattore de I Quaderni de L’Ora, mensile d’inchiesta palermitano erede dello storico quotidiano antimafia del pomeriggio. Dal 2010 scrivo sul Il Fatto Quotidiano, occupandomi di giudiziaria, politica, inchiesta e varia umanità. Per Editori Riuniti ho scritto Il Caso De Mauro, che poi era anche la mia tesi di laurea. Per la Rai ho realizzato Maxi +25, reportage sul Maxi Processo 25 anni dopo. Con Trattativa? Nenti sacciu! ho vinto Generazione Reporter, il premio per giornalisti emergenti ideato da Michele Santoro, mentre nel 2013 sono stato finalista del premio Roberto Morrione, sezione del premio Ilaria Alpi. Nel 2014 mi è stata assegnata la Menzione Speciale del Premio Giornalismo d’Inchiesta Gruppo dello Zuccherificio. “La Juve è in vantaggio”, è probabilmente una delle frasi più felici mai udite nella mia infanzia, alla radio e non solo. Il sogno nel cassetto? Scrivere un romanzo. Prima o poi ci proverò.

Articoli di Giuseppe Pipitone

Politica - 18 maggio 2018

Amministrative, in Sicilia coalizioni marmellata e diecimila candidati. Il simbolo del Pd? Nelle città principali è scomparso

Vista dall’alto sembra una gigantesca marmellata: grumi di centrosinistra spalmati a destra e viceversa. Più di diecimila in corsa per un posto in consiglio comunale, esponenti del Pd candidati con la coalizione di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, mentre il simbolo dei dem scompare nelle città principali. Sissignore: dopo la sconfitta alle politiche il rilancio […]
Giustizia & Impunità - 9 maggio 2018

Cucchi, il carabiniere che ha denunciato i colleghi: “Costretto a lavorare con loro. Ora devo testimoniare ma ho paura”

Ha denunciato i suoi colleghi: sulla morte di Stefano Cucchi sapevano più di quello che avevano detto. È andato dal pubblico ministero e ha messo a verbale i commenti ascoltati in caserma subito dopo l’arresto del geometra romano. Ma adesso che dovrà andare in aula a confermare le sue accuse, l’appuntato scelto Riccardo Casamassima ha paura. […]
Mafie - 8 maggio 2018

Peppino Impastato, l’inchiesta sul depistaggio e la pista che arriva a Gladio: tutti i pezzi mancanti 40 anni dopo l’omicidio

Doveva essere solo la storia di un pazzo, uno dei tanti. Un terrorista saltato in aria mentre cercava di fare esplodere la ferrovia. E invece era la storia di una ribellione: la ribellione a Cosa nostra fatta da un figlio di Cosa nostra. Ma quella di Peppino Impastato è soprattutto la storia di un depistaggio. Un […]
Mafie - 25 aprile 2018

Trattativa Stato-mafia, i punti che rimangono oscuri: l’ultima intervista di Borsellino, stragi ’93, mandanti a volto coperto

C’è la nuova indagine sulle stragi del 1993 , quella riaperta dalla procura di Firenze per indagare su Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri. E l’ultima intervista di Paolo Borsellino, che due giorni prima della strage di Capaci parlava dei rapporti tra il leader di Forza Italia, il suo storico braccio destro e Vittorio Mangano. Ci sono le […]
Mafie - 21 aprile 2018

Trattativa, Berlusconi: “Ridicolo accostarmi alla sentenza”. Dell’Utri, Forza Italia e i Graviano: ecco perché non è così

Dice di essere “estraneo ai fatti in questione”. Ma quei fatti lo riguardano direttamente. Riguardano lui, il suo storico braccio destro, il suo partito, il suo primo governo. Silvio Berlusconi è l’epilogo della Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra. Guida il partito fondato dall’uomo condannato perché era la “cinghia di trasmissione” delle minacce dei […]
Mafie - 20 aprile 2018

Trattativa, Di Matteo: “Ora c’entra il Berlusconi politico”. Forza Italia pronta a querelare: “Pm vicino al M5s”

Il pm Nino Di Matteo commenta la sentenza di primo grado del processo sulla Trattativa Stato-mafia, che ha visto condannati gli ex vertici del Ros Mario Mori, Giuseppe De Donno e Antonio Subranni, l’ex senatore Marcello Dell’Utri e il mafioso Antonino Cinà, medico fedelissimo di Totò Riina (leggi l’articolo). “Esce fuori uno Stato di cui una parte – noi siamo degli umili rappresentanti […]
Giustizia & Impunità - 20 aprile 2018

Trattativa, Di Matteo accolto tra gli applausi dopo la lettura della sentenza. E un gruppo di cittadini lo ringrazia

“Siamo tutti Nino Di Matteo“. Così, con queste urla, alcuni cittadini e attivisti di Agende Rosse e Scorta civica hanno incitato i magistrati nell’aula bunker del Pagliarelli, dopo la lettura della sentenza che ha sancito che trattativa ci fu tra Stato e mafia.  Applausi anche fuori dall’aula, dove un gruppo di persone ha ringraziato Di Matteo […]
Mafie - 20 aprile 2018

Trattativa, il legale di Mori: “Sbigottito. Ma contento…”. Quello di Dell’Utri: “Già assolto per gli stessi fatti”

L’avvocato Basilio Milio, difensore del generale Mario Mori, e il legale dell’ex senatore Marcello Dell’Utri, Giuseppe Di Peri, commenta la sentenza di primo grado del processo sulla Trattativa Stato-mafia, dove il loro assistiti sono stati condannati insieme agli altri ex vertici del Ros Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, e ai mafiosi Antonino Cinà e Leoluca Bagarella (leggi l’articolo)
Mafie - 20 aprile 2018

Trattativa Stato-Mafia, sentenza storica: Mori e Dell’Utri condannati a 12 anni. Di Matteo: “Ex senatore cinghia di trasmissione tra Cosa nostra e Berlusconi”

Sette minuti e cinquanta secondi. Tanto ci ha impiegato il giudice Alfredo Montalto per dire che non solo la Trattativa tra Cosa nostra e pezzi dello Stato c’è stata, ma che ad averla fatta sono stati i boss mafiosi, tre alti ufficiali dei carabinieri e il fondatore di Forza Italia. Mentre la piovra assassinava magistrati come […]
Cosa Nostra - 20 aprile 2018

Trattativa, le richieste dei legali e le posizioni degli imputati: le opzioni della corte d’Assise. La sentenza alle ore 16

Il problema non è se ci fu o meno la Trattativa. Il problema è se a un certo punto qualcuno si fece portatore delle minacce mafiose: altre bombe e altre stragi se lo Stato non avesse ceduto. E quindi non avesse alleggerito la pressione su Cosa nostra. La sentenza del processo sul Patto tra mafia […]
Contratto di governo, le 5 stelle del Movimento e la linea dura della Lega: ecco il programma del patto Di Maio-Salvini
M5s-Lega, Travaglio: “Contratto? Molti punti convincono. Il problema sono coperture e cambiamenti continui”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×