/ di

Giuseppe Pipitone Giuseppe Pipitone

Giuseppe Pipitone

Giornalista

Siciliano di mare aperto che si appassiona ad inspiegabili scogli, sono stato redattore de I Quaderni de L’Ora, mensile d’inchiesta palermitano erede dello storico quotidiano antimafia del pomeriggio. Dal 2010 scrivo sul Il Fatto Quotidiano, occupandomi di giudiziaria, politica, inchiesta e varia umanità. Per Editori Riuniti ho scritto Il Caso De Mauro, che poi era anche la mia tesi di laurea. Per la Rai ho realizzato Maxi +25, reportage sul Maxi Processo 25 anni dopo. Con Trattativa? Nenti sacciu! ho vinto Generazione Reporter, il premio per giornalisti emergenti ideato da Michele Santoro, mentre nel 2013 sono stato finalista del premio Roberto Morrione, sezione del premio Ilaria Alpi. Nel 2014 mi è stata assegnata la Menzione Speciale del Premio Giornalismo d’Inchiesta Gruppo dello Zuccherificio. “La Juve è in vantaggio”, è probabilmente una delle frasi più felici mai udite nella mia infanzia, alla radio e non solo. Il sogno nel cassetto? Scrivere un romanzo. Prima o poi ci proverò.

Articoli di Giuseppe Pipitone

Cosa Nostra - 19 luglio 2018

Trattativa Stato-mafia, i giudici: “Da Berlusconi soldi a Cosa nostra tramite Dell’Utri anche da premier e dopo le stragi”

L’Italia ha avuto un presidente del consiglio che pagava Cosa nostra mentre sedeva a Palazzo Chigi. E non negli anni Cinquanta, ma almeno fino alla fine del 1994 quando la mafia aveva già mostrato il suo volto più feroce: aveva fatto a pezzi Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino, otto agenti di scorta, dieci civili, comprese due […]
Cosa Nostra - 19 luglio 2018

Trattativa, “Berlusconi sapeva dei rapporti tra Dell’Utri e la mafia. E l’ex senatore rafforzò la strategia di Riina”

Paolo Borsellino è morto per la Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra. Probabilmente sarebbe stato ammazzato comunque, ma quel dialogo aperto da uomini delle Istituzioni con Totò Riina accelerò il piano della sua eliminazione: e Borsellino – contrario alla Trattativa – venne ammazzato il 19 luglio del 1992. L’anno dopo, invece, a rafforzare il […]
Cosa Nostra - 19 luglio 2018

Trattativa Stato-mafia, depositate le motivazioni della sentenza: provvedimento lungo più di 5mila pagine

Nel giorno del ventiseiesimo anniversario della strage di via d’Amelio la corte d’Assise d Palermo ha depositato le motivazioni della sentenza del processo sulla Trattativa tra pezzi delle Istituzioni e i boss. Il provvedimento è di oltre cinquemila pagine ed è stato depositato in tempi record: 90 giorni esatti dal verdetto, cioè esattamente il tempo […]
Giustizia & Impunità - 4 luglio 2018

Corruzione, l’indagine sul Consiglio dei Stato e quella su Eni: chi è Amara. Il socio dell’amico di Renzi ora parla coi pm

Da alcune settimane sta parlando con i pm, riempiendo centinaia di pagine di verbali pieni di omissis che potrebbero imprimere un’escalation alle indagini. Dichiarazioni rese durante incidenti probatori programmati puntualmente davanti al gip di Messina, che potrebbero coinvolgere anche personaggi eccellenti. D’altra parte l’avvocato Piero Amara – arrestato nel febbraio scorso per corruzione, falso e associazione a […]
Politica - 27 giugno 2018

Sicilia, dopo due mesi di stop l’Ars approva due leggi: una è per tutelare i beni della Seconda guerra mondiale

Per due mesi hanno tirato il fiato. E d’altra parte per i settanta consiglieri – pardon, deputati – dell’Assemblea regionale siciliana approvare la legge finanziaria era stata una vera e propria faticaccia. Un’impresa portata a termine solo il 30 aprile scorso dopo una serie di sedute fiume. Da allora gli eletti a Palazzo dei Normanni […]
Elezioni Amministrative 2018 - 25 giugno 2018

Messina, la vittoria di Cateno De Luca: il Masaniello anti casta che è in politica da 30 anni. E che è ancora indagato

Un esponente della casta che vince perché dice di essere contro la casta. Un Masaniello del 2000 eletto a furor di popolo per scacciare “i vecchi potenti dai palazzi”. Dove, però, lui stesso dimora da anni occupando ogni genere di poltrona: da quella di consigliere comunale a quella di deputato regionale. È la vittoria dell’ossimoro […]
Giustizia & Impunità - 20 giugno 2018

Cucchi, la Cassazione rigetta ricorso dei carabinieri: “Misure talmente brutali da produrre quelle gravissime conseguenze”

Una “violenza fine a se stessa“. Un’attività “illecita” che ha previsto l’impiego di “misure di rigore talmente brutali da produrre quelle gravissime conseguenze“. Cioè la morte. Non si può escludere che Stefano Cucchi fu sottoposto a tutto questo. Per la prima volta la corte di Cassazione utilizza parole simili per emettere una sentenza sul caso del […]
Giustizia & Impunità - 18 giugno 2018

Stadio Roma, il “sistema Parnasi”: soldi e favori leciti e illeciti a tutti i partiti. Che sarebbero rimasti ignoti senza l’indagine

Probabilmente senza l’inchiesta della procura di Roma non se ne sarebbe saputo niente. E partiti e candidati si sarebbero potuti tenere i soldi ricevuti da Luca Parnasi senza renderne mai nota la provenienza. La normativa sulla privacy contenuta dalla legge sul finanziamento alla politica, sommata alla possibilità data a fondazioni e onlus di non rendere noti […]
Elezioni Amministrative 2018 - 11 giugno 2018

Amministrative, in Sicilia voto a macchia di Gattopardo: tornano i sindaci degli anni ’80 e ’90. Ma non nei capoluoghi

La Lega alla fine non sfonda ma si siede al tavolo di un centrodestra unito che a colpi di arancine e maxi manifesti elettorali vince ancora. Il centrosinistra senza simboli batte un colpo nella sempre più indecifrabile Trapani, mentre il Movimento 5 stelle non brilla, si prende nell’isola di Pantelleria e prova a difendere la prima città conquistata […]

Catania, il candidato del centrodestra può vincere al primo turno. Ma è imputato per peculato: rischia la sospensione

Dal Castello Ursino all’ostello, dai locali di piazza Currò fino a quelli del porto, gli avventori di pub e trattorie sono quasi tutti d’accordo: il prossimo sindaco di Catania sarà Salvo Pogliese. Per quanto non è dato sapere: un processo per peculato, infatti, rischia di farlo sospendere dopo pochi mesi da quella che viene definita […]
Trattativa, “Berlusconi sapeva dei rapporti tra Dell’Utri e la mafia. E l’ex senatore rafforzò la strategia di Riina”
Trattativa Stato-mafia, Salvatore Borsellino: “Depistaggio? O Dolo o incompetenza dei magistrati”. Scarpinato: “Costituire pool nazionale per trovare verità”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×