Mario Draghi parteciperà alle celebrazioni in streaming del 25 aprile organizzate da Casa Cervi. Il presidente del consiglio, si legge sul sito del museo, sarà presente con un contributo video. Per il secondo anno consecutivo, l’istituto nato in memoria dei sette fratelli uccisi dai fascisti nel 1943 dovrà celebrare online la festa della Liberazione. E l’appuntamento tradizionale nel cortile della casa dei Cervi a Gattatico, nelle campagne di Reggio Emilia, sarà sostituito da una staffetta di interventi. Oltre al premier infatti, ci saranno Don Luigi Ciotti di Libera, Gianfranco Pagliarulo dell’Anpi e la vicepresidente dell’Emilia-Romagna Elly Schlein.

La diretta inizierà intorno alle 10 del mattino e continuerà fino alle 19 circa e sarà trasmessa sul sito istitutocervi.it. Tra gli ospiti che hanno confermato la loro partecipazione anche Diego Bianchi (Zoro) e il vignettista toscano Vauro Senesi. Parlerà anche la staffetta partigiana Teresa Vergalli, che “con la sua testimonianza ricondurrà tutti al significato più profondo del 25 aprile”, scrivono gli organizzatori. Confermata la presenza delle autorità del territorio: Giorgio Zanni, Presidente della Provincia di Reggio Emilia, Luca Vecchi, Sindaco di Reggio Emilia e Iolanda Rolli, nuovo Prefetto della Città del Tricolore. Con loro i sindaci di Gattatico e di Campegine Luca Ronzoni e Giuseppe Artioli. Oltre naturalmente alla presidente Albertina Soliani. La memoria storica della famiglia dei Campirossi verrà ricordata con Adelmo Cervi, figlio di Aldo, il terzogenito dei Sette fratelli.

Come da tradizione ci saranno anche numerosi interventi musicali: Cisco, ex membro dei Modena City Ramblers, canterà alcuni dei brani più celebri insieme alla sua band, direttamente dalla stalla di Casa Cervi. Sempre nella stalla si esibiranno i Gang, autori della celebre canzone La pianura dei sette fratelli, con un sentito omaggio ai valori della Resistenza e di antifascismo. Con loro, altri artisti come Alberto Bertoli, Guido Maria Grillo e Francesco “Fry” Moneti (Modena City Ramblers), che chiuderà la giornata con il Dj/Live Set insieme a Mark Bee e Alberto Benati. Presente anche il teatro, con due contributi della Compagnia Il Falco Bianco e di Mék Pék e Barba. In un periodo così difficile per la cultura e lo spettacolo, di fronte all’ingresso di Casa Cervi si terrà il flash mob teatrale Con la cultura non si mangia (di tutto), organizzato dalla rete dei teatri del territorio di Reggio Emilia.

“Anche quest’anno”, si legge nel comunicato dell’istituto Cervi, “sarà una Festa della Liberazione diversa da tutte le altre, tranne che nello spirito e nei valori; sempre gli stessi di Casa Cervi e di tutti i cittadini, che fino a due anni fa hanno festeggiato insieme a noi nel grande prato dei Campirossi. Le parole, la musica, l’omaggio alla Resistenza e al 25 aprile di 76 anni fa continueranno a popolare lo spazio di Casa Cervi, trasformatosi in una lunga diretta virtuale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Von der Leyen: “A luglio sarà vaccinato il 70% della popolazione adulta dell’Ue. Nuovo contratto con Pfizer per 1,8 miliardi di dosi”

next
Articolo Successivo

Comunali Milano, Buffagni: “Movimento 5 stelle correrà da solo. Strada migliore è rimarcare le differenze”

next