C’è Gabriel Garko sulla copertina di Chi in edicola questa settimana. Ed è un Gabriel Garko che dalle anticipazioni risulta determinato e molto netto: “Ho detto a chi di dovere tutta la verità… Non ho altro da aggiungere e spero che presto, nel bene o nel male, si faccia luce su questa brutta vicenda. È assurdo che la vita mi riporti, in continuazione, al passato quando io ho solamente voglia di guardare avanti“. Il riferimento è all'”Ares Gate” e al suicidio di Teodosio Losito, con la vicenda al centro delle cronache degli ultimi giorni per un’indagine aperta in procura. L’attore racconta di essere stufo di trovarsi in mezzo a storie che, a suo modo di vedere, non lo riguardano più: “Sono giorni che lavoro incessantemente, che mio papà non sta molto bene e che il mio nome riempie le pagine dei giornali. Ciononostante sono sereno, ma non nascondo che non è facile sopportare questa gogna mediatica”. Lo sfogo di Garko è molto sentito: “Negli anni mi hanno dato dell’attore di serie B, della “mignotta”, del rifatto, del gay per convenienza. È assodato che il mio personaggio venga sempre visto in un altro modo e me ne accorgo ogni qual volta incontro qualcuno. È oramai un classico la frase: ‘Ti facevo diverso'”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michelle Hunziker rivela: “Ecco perché mia figlia Aurora ha i tratti asiatici”

next
Articolo Successivo

Video Grillo, Damiano dei Maneskin: “Astenetevi da dichiarazioni tanto disumane. È stupro anche se viene denunciato 8 giorni dopo”

next