Scontri durante un comizio del partito di estrema destra Vox a Vallecas, storico quartiere operaio di sinistra di Madrid. La polizia, come riportano i media spagnoli, ha caricato contro i manifestanti scesi in piazza contro il comizio per tenerli lontani dai sostenitori del partito. Il comizio, organizzato nell’ambito della campagna elettorale in vista delle elezioni nella regione della capitale e autorizzato dalla Delegazione del Governo centrale a Madrid dopo che il comune della capitale aveva negato il permesso si è tenuto alla presenza del leader nazionale di Vox, Santiago Abascal, e la candidata nella regione, Rocío Monasterio.

Si sono registrati lanci d’oggetti e cariche da parte degli agenti. Almeno una parte dei manifestanti contrari a Vox sono stati poi dispersi, secondo le immagini della televisione pubblica spagnola. Al termine della manifestazione si sono registrati almeno due arresti e decine di feriti, tra cui diversi poliziotti.

Prima del comizio, le formazioni di centro-sinistra e sinistra che parteciperanno alle elezioni, il Partito Socialista, Más Madrid e Unidas Podemos, avevano diffuso una nota comune attraverso le loro delegazioni a Vallecas chiedendo agli abitanti del quartiere di “non cadere nelle provocazioni” di Vox.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

India, dalle ipotesi dell’immunità di gregge al boom dei contagi: mai così tanti da inizio pandemia. Ecco perché

next
Articolo Successivo

Sofa-gate, niente sedia per Ursula von der Leyen. Michel: “Immagine disastrosa”. Turchia: “Seguito protocollo”. Ue: “C’è stato un incidente”

next