Oltre seimila confezioni di medicinali di origine cinese privi delle necessarie autorizzazioni di Aifa ed Ema, tra cui alcuni farmaci venduti come anti Covid, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Torino. Le confezioni erano stoccate in una rivendita all’ingrosso con sedi tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese che è stato denunciato: gli inquirenti stimano che i medicinali gli avrebbero fruttato 60 mila euro. I farmaci sequestrati, principalmente confezionati in bustine e destinati quasi esclusivamente al mercato etnico, costituivano un potenziale rischio per la salute dal momento che erano stati prodotti senza la doverosa valutazione delle Autorità e delle corrette modalità di produzione e conservazione.

Le indagini sono partite lo scorso gennaio a seguito della scoperta, nel centro del capoluogo piemontese, di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari. L’operazione è stata coadiuvata dai militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Firenze e dalle Compagnie territoriali di Prato e Signa (Firenze): i medicinali sono stati rinvenuti in seguito di alcune perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Firenze nell’ambito di un’attività di contrasto al commercio illecito di farmaci.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, scoperto deposito di armi e droga e un macello abusivo nel quartiere Cep: 7 arresti

next
Articolo Successivo

Sardegna, dalla zona bianca alla paura dei sindaci: 16 Comuni in lockdown per l’aumento dei casi di Covid. E intanto salgono i ricoveri

next