Dopo alcuni giorni di silenzio, Fabrizio Corona nel giorno di Pasqua torna a farsi sentire. E lo fa non direttamente, ma con un post su Instagram pubblicato con ogni probabilità dai suoi collaboratori, dal momento che l’ex re dei paparazzi si trova al momento al carcere di Monza, senza quindi la possibilità di utilizzare il cellulare.

“Se sei assolutamente convinto della tua ragione, ripeto, se sei assolutamente convinto della tua ragione e di aver subito una grave ingiustizia lotta pronto anche a sacrificare la tua vita. Servirà per qualcuno, servirà, e qualcuno capirà”, si legge su Instagram.

Un post dai risvolti inquietanti visti anche gli episodi di autolesionismo di cui Corona si è reso protagonista nelle scorse settimane, dopo la notizia del suo rientro in carcere. Il paparazzo al momento del nuovo arresto è esploso, tirando calci e pugni all’ambulanza e resistendo ai pubblici ufficiali, tanto da essere trasportato all’ospedale di Niguarda, ricoverato nel reparto psichiatrico. Dall’ospedale, poi, Corona ha portato avanti un lungo sciopero della fame prima di essere trasferito al carcere di Monza dove dovrà scontare gli ultimi tre anni di pena. Diversi gli appelli in queste settimane, tra avvocati e parenti, che hanno sottolineato le condizioni psicologiche di Corona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Signore degli Anelli, una versione per la tv russa della trilogia ritrovata dopo 30 anni

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi all’attacco contro il governo Draghi: “La mascherina come il preservativo, ribellatevi, occupate il palazzo”

next