“Con Alberto Tomba ci conosciamo da bambini. La sua famiglia ha una casa a Cortina, lui era il fidanzatino di mia sorella. Gareggiavamo insieme, ma venivamo regolarmente battuti da Gianluca Vacchi, quello dei balletti sui social. Per nostra fortuna smise di sciare”. A rivelarlo è Kristian Ghedina, uno dei più grandi sciatori italiani, che in un’intervista al Corriere della Sera del 2 febbraio scorso si è raccontato a cuore aperto, parlando della sua passione per lo sci, dell’amore per il rischio estremo e anche dei suoi amici, tra cui appunto proprio la star dei social Gianluca Vacchi, svelando il suo lato inedito di sciatore provetto.

È stato poi lo stesso Vacchi, sempre al Corriere della Sera, a confermare tutto e chiarire: “Durante la nostra infanzia sulla neve i miei sci tendevamo ad andare un po’ più avanti rispetto ai loro. Ma avevamo abilità diverse: nessuno come Kristian riusciva a far scorrere gli sci, non aveva paura di niente al mondo, era matto come un cavallo, se gli dicevi che doveva andare a 100 all’ora e al termine c’era un roccia da schivare, lui si lanciava e via… aveva una capacità acrobatica da paura, non c’è più stato un discesista come lui. Io ho vinto un campionato di slalom gigante, in discesa avevo più paura, non avevo una grande attrazione per quella specialità un po’ come Alberto Tomba, il più grande sciatore vivente mai esistito che però non faceva discesa. Diceva che era la mamma a non fargliela fare, aveva paura”.

“Lo sport e i ragazzi , poi diventati campioni, che ho conosciuto in quel periodo mi hanno lasciato uno spirito di squadra che non morirà mai – ha raccontato ancora Gianluca Vacchi -. Non ci siamo mai intralciati perché eravamo bravi in cose diverse: e anche se è vero che andavo più forte di loro, dico molto onestamente non sarei arrivato ai loro livelli perché ad un certo punto sarebbe dovuta subentrare una determinazione sciistica che non avevo. Durante l’adolescenza ho sentito il richiamo dell’uomo d’affari e soprattutto volevo capire come mio padre riuscisse a far sì che io e mia madre potessimo permetterci di passare l’inverno intero a Cortina… volevo diventare anche io un uomo d’affari“.

Poi Vacchi si è lasciato andare ai ricordi, raccontando alcuni aneddoti: “Una volta io e Kristina Ghedina eravamo in camera insieme in ritiro e di notte non si trovava più. Lo abbiamo trovato in pigiama, con le scarpe da ginnastica e parecchi gradi sotto lo zero, che stava facendo prove di equilibrio saltando da un sasso all’altro sul fiume. Un’altra volta a Kitzbuhel, sulla Mausefalle, si era infortunato rompendosi qualche vertebra ma la sera aveva un’appuntamento importante e aveva fatto finta di nulla. Andò lo stesso a ballare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Pezzulli: “Dawson Leery era uno sfigato, lo odiavo”

next
Articolo Successivo

Federico Fashion Style su tutte le furie contro le forze dell’ordine in Stazione Centrale: “Questi stro**i, fanno pena”

next