“Questi stronzi… fanno pena”. Federico Fashion Style è una furia su Instagram contro le forze dell’ordine che controllano le partenze alla Stazione Centrale di Milano, che lui ieri aveva raggiunto per poter tornare nella “sua” Anzio. Arrivato in stazione mezz’ora prima della partenza del treno, come raccontato da lui stesso, è riuscito a perdere il treno. “Mi hanno fatto compilare un’autocertificazione. Dopo 25 minuti di fila, non me l’hanno controllata: ho detto agli addetti che stavo perdendo il treno, non gliel’è fregato nulla e l’autocertificazione non l’hanno nemmeno controllata. Ora questa serve… forse per andare al bagno. Fanno pena. Non accetto questo, è una vergogna”.

Quando ha capito che il suo Frecciarossa diretto a Roma era partito senza di lui a bordo, il parrucchiere più famoso della tv è scoppiato in lacrime. Disperato, si è affidato alle Stories di Instagram per sfogarsi: “Ecco, questa è la situazione: ho perso il treno. L’autocertificazione non l’hanno nemmeno guardata, non gliene frega niente. Mi hanno fatto perdere il treno per fare una fila di un’ora e neanche ti guardano l’autocertificazione questi stronzi. Ecco, il treno è partito e loro lo fanno apposta”.

Federico Fashion Style, che da stasera tornerà su Real Time con la nuova edizione de “Il Salone delle Meraviglie”, se l’è presa anche con le file in stazione che si creano prima di poter varcare i gate di ingresso. Ecco cosa ha detto nelle storie cancellate poco dopo: “Vi sembra normale fare una fila di questo genere? Tutti in fila, così io ho perso il treno. Ma in questa maniera non si prende in Covid? Uno appiccicato a quell’altro, fanno perdere il treno alla gente perché devi arrivare tipo 40 minuti prima. Il Covid non si prende secondo loro, no, non si prende”. Alla fine, il parrucchiere è riuscito a raggiungere Roma sano e salvo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Gianluca Vacchi sugli sci batteva me e Alberto Tomba”

next