I vaccini con le varianti? È informazione largamente nota che la variante inglese non mostra resistenza all’effetto protettivo indotto dalla vaccinazione con tutti e tre i vaccini ad oggi presenti nel paese”. Così il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, nel corso della conferenza stampa sul nuovo Dpcm che entrerà in vigore dal 6 marzo. Diverso il discorso sulla variante brasiliana, specifica Locatelli. “Da un lato vi sono delle segnalazioni da parte dei colleghi brasiliani di soggetti reinfettati, tuttavia non ci sono ad oggi pubblicazioni scientifiche che abbiamo reso disponibile questo tipo di informazione” e “quindi il dato è che semmai andrà verificato con studi oculatamente programmati anche nel nostro paese”, sottolinea l’esperto. In ogni caso, evidenzia Locatelli: “Anche in presenza di eventuali reinfezioni di fatto non si dovrebbero connotare con forme di particolare gravità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Draghi firma il nuovo dpcm, tutte le misure in vigore dal 6 marzo al 6 aprile. Cosa cambia rispetto alle regole attuali

next
Articolo Successivo

Covid, Locatelli: “Variante inglese più contagiosa in bambini e giovani fino a 19 anni, ma non è più grave”

next