VENERUS E IL BELLO DELLA GAVETTA

L’artista milanese Venerus (vero nome Andrea Venerus, classe ’92) è il classico esempio che gavetta, fatica, collaborazioni e tanta pazienza alla fine pagano. Attivo musicalmente dal 2015, Venerus ha pubblicato il suo album “Magica Musica”. Un lavoro intenso tra pop, elettronica e un pizzico di anima soul. “Questo disco per me è come un’arca di Noè – ci racconta Venerus – c’è un po’ di tutto. Ho lavorato molto sul mio essere introspettivo e piano piano mi sono aperto. Era il momento giusto per far uscire un disco tutto mio”. Sedici tracce di cui 12 co-prodotte con Mace che con Blanco e Salmo è sulla cresta dell’onda con la bellissima “La canzone nostra”. Tra le collaborazioni Frah Quintale, Calibro 35, Rkomi e Gemitaiz. Giudizio: figlio della gavetta Voto 7

EMANUELE ALOIA SUONA L’ARTE A RITMO POP

Dopo “Girasoli” (disco d’oro), “Il bacio di Klimt” (doppio disco di platino e il brano italiano più utilizzato nel 2020 su TikTok) e “L’urlo di Munch” Emanuele Aloia, cantautore torinese classe 98, non si ferma e lancia il brano (ma non chiamatelo singolo) “Quando Dio ti ha inventata”. Il segreto di questo nuovo fenomeno musicale? Unire l’arte agli stati d’animo del vissuto e dell’amore. Il talent l’ha sfiorato, scartato ai provini di Amici nel 2017, ma non si è scoraggiato. “La scelta di far uscire questo brano a così poco tempo dal mio ultimo singolo è stata mia e non ho ragionato di strategia – ci rivela Aloia -. Scrivo da otto anni e sono molto felice che alla gente piaccia il mio concept artistico. Mi sono formato al Liceo Linguistico e non artistico, come si potrebbe pensare. Nei miei pezzi non c’è solo l’arte ma cito anche la poesia di Montale. Ci siamo quasi al disco, non manca molto”. Giudizio: divulgatore artistico Voto 7

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Daft Punk, in musica l’unica verità è quella delle proprie contraddizioni

next
Articolo Successivo

Benji (senza Fede) a FqMagazine: “Cantare da solista è una sfida con me stesso. Bella Thorne? Con lei mi sento invincibile, ecco il nostro segreto”

next