Fabrizio Curcio torna al vertice della Protezione civile. Alla fine il premier Mario Draghi ha deciso di sostituire Angelo Borrelli, divenuto molto noto a livello nazionale per le conferenze stampa quotidiane durante il lockdown. Il mandato di Borrelli, a capo del dipartimento della protezione civile dal 2017, era comunque in scadenza a marzo. Era subentrato proprio a Curcio, al quale aveva fatto da vice. “Ad Angelo Borrelli i ringraziamenti per l’impegno profuso e il lavoro svolto in questi anni”, si legge in una nota di Palazzo Chigi.

Nominato da Matteo Renzi nel 2015, Curcio aveva lasciato l’incarico di capo dipartimento della Protezione civile due anni fa. Aveva scritto una lettera all’allora premier, Paolo Gentiloni, chi9edendo di essere sollevato dall’incarico per motivi strettamente personali. Ex vigile del fuoco, Curcio è stato un apprezzatissimo direttore dell’Ufficio Emergenze e uomo vicinissimo a Franco Gabrielli, l’ex capo della Polizia nominato due giorni fa proprio da Draghi come sottosegretario ai servizi segreti. Laureato in Ingegneria, 55 anni, ha coordinato i vigili del fuoco impegnati nel Giubileo del 2000 e quelli impegnati a Pratica di Mare per il vertice Nato-Russia del 2002. Distaccato presso la presidenza del Consiglio, Curcio era arrivato alla Protezione Civile nel 2007, chiamato da Guido Bertolaso a dirigere la segreteria. È l’anno dopo che diventa il capo delle emergenze e da quel momento è sempre presente nelle situazioni di emergenza: a Messina per l’alluvione con oltre trenta morti ed in sala operativa la notte del terremoto de L’Aquila. Nel capoluogo abruzzese resterà per mesi, a coordinare gli interventi di soccorso. E poi ancora le alluvioni in Liguria e Toscana, il terremoto in Emilia, le centinaia di emergenze quotidiane fino alla rimozione della Concordia, dove è stato capo della struttura di missione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Movimento 5 Stelle si sta disintegrando rapidamente, ma forse era prevedibile

next
Articolo Successivo

Elezioni a Milano, il sondaggio: testa a testa tra centrosinistra e centrodestra. Sala avanti, ma se si candida Albertini perde di 2 punti

next