“Ci è crollato il mondo addosso, è una perdita incommensurabile”. Così Salvatore Attanasio, il padre dell’ambasciatore Luca Attanasio, ucciso in un attacco in Congo, commenta quanto accaduto al figlio, assalito mentre a bordo di un convoglio del World Food Programme. “È sempre stata una persona molto proiettata per il sociale”, dice, aggiungendo che il loro pensiero è ora rivolto alle tre figlie dell’ambasciatore e raccontando l’ultima telefonata avuta domenica scorsa con il figlio.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miliziani, banditi, presunti jihadisti: la galassia dei 122 gruppi armati nell’est del Congo, dove sono stati uccisi Attanasio e Iacovacci

next
Articolo Successivo

“Axel” cacciatore di svastiche: chi si nasconde dietro la talpa che fa sparire i cimeli nazisti dalle aste? L’ultimo colpo: i pugnali del Reich

next