Il giorno dopo l’attacco in Congo che ha tolto la vita all’ambasciatore d’Italia nella Repubblica democratica del Congo, Luca Attanasio, e al carabiniere Vittorio Iacovacci, la Camera dei deputati ha voluto dedicare loro l’apertura della seduta pomeridiana di martedì 23 febbraio. “Siamo addolorati e costernati per questo atto di incomprensibile e vigliacca ferocia contro due nostri connazionali che erano impegnati, nell’ambito dei propri ruoli, in un’azione internazionale di sostegno e di solidarietà nei confronti della popolazione locale”, ha detto il presidente della Camera Roberto Fico che ha poi espresso “riconoscenza ed apprezzamento” a tutto il personale della rete diplomatica e dell’Arma dei Carabinieri che “con professionalità e dedizione esercita i propri doveri d’ufficio anche nei contesti più difficili di tutto il mondo”. Fico ha poi dato il via al minuto di silenzio al quale ha fatto seguito un lungo applauso da parte dei parlamentari presenti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi si candida a sindaco di Roma. “Ora il centrodestra converga su di me”

next