“Un sistema di sorveglianza” sulle varianti è importante. E inoltre, bisogna “agire prontamente”. Per questo, “le regioni possono all’interno del territorio regionale stabilire delle zone rosse laddove sia verificata la presenza di varianti”. A dirlo l’epidemiologo Gianni Rezza alla conferenza stampa al ministero della Salute, “raccomandandolo caldamente”. Gli esempi di Rezza sono due, da una parte un focolaio di variante cosiddetta inglese in Abruzzo, che però preoccupa meno. E poi la circolazione della “variante brasiliana” in Umbria. “A Perugia sono stati identificati dei cluster ospedalieri in diversi reparti – ha specificato Rezza – E sono già state prese molte misure”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trovato esplosivo in un Suv al confine tra Italia e Svizzera: evacuata la zona

next
Articolo Successivo

Monoclonali, Aifa: ecco i soggetti a rischio che possono usarli. Parla la prima italiana curata: “In un giorno mi sentivo bene”

next