È attesa per oggi a Mosca la sentenza per l’oppositore russo Alexei Navalny che deciderà se commutare in pena reale, 3 anni e sei mesi di carcere, la condizionale accordata per il caso Yves Rocher. Navalny è presente al tribunale distrettuale di Simonovsky e fin dalla mattina presto lo spiegamento delle forze di polizia fuori dall’Aula è importante. Diversi, già in mattinata, i fermi effettuati dalle forze dell’ordine: almeno 237 le persone fermate finora per aver preso parte alle manifestazioni davanti al tribunale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Germania 861 morti nelle ultime 24 ore. Scozia in lockdown fino a fine mese. Francia, “vaccino Astrazeneca somministrato da metà febbraio”

next
Articolo Successivo

Usa, “i complottisti sono un cancro per il partito repubblicano”: il giudizio lapidario di Mitch McConnell (a differenza di Trump)

next