Dalla zona arancione al cartellino arancione, il passo è breve. La vacanza a Courmayeur di Cristiano Ronaldo con la fidanzata Georgina Rodriguez è diventato un caso mediatico che agita i tifosi e gli appassionati di calcio. Il campione della Juventus ha pensato di fare un regalo alla sua compagna regalandole per il suo compleanno – il 28 gennaio compie 27 anni – una gita di due giorni sulle nevi della Valle d’Aosta. Piccolo dettaglio: la coppia vive a Torino, in zona Gran Madre e ha come vicina di casa Luciana Littizzetto, e non si sarebbe potuta spostare dalla Regione visto che il Piemonte e la Valle d’Aosta sono in zona arancione.

Ronaldo, che ha approfittato della mancata convocazione per la partita di Coppa Italia Juventus-Spal (finita 4-0 per i bianconeri), e Georgina sono arrivati in incognito, senza essere fermati o multati da nessuno (secondo La Stampa è però possibile che la coppia venga sanzionata nei prossimi giorni), e sono stati «traditi» da un video postato sui social, subito intercettato dai fan di CR7. La coppia ha trascorso la cena e poi la notte in un albergo della zona, poi il giorno successivo ha approfittato del paesaggio da fiaba (e deserto) per un giro in motoslitta sotto una fitta nevicata. La toccata e fuga si è conclusa nell’arco di poche ore, tanto che hanno fatto subito rientro a Torino per festeggiare con i loro figli. Intanto però il caso era già scoppiato sui social. Ma non è la prima gaffe che Ronaldo commette da quando è scattata la pandemia: lo scorso ottobre era stato infatti accusato dal ministro per le politiche sportive Vincenzo Spadafora di aver violato il protocollo quando aveva viaggiato tra Portogallo e Italia per l’impegno con la sua Nazionale, durante il quale era risultato positivo al Covid. «Ho la coscienza tranquilla, ho fatto tutto come dovevo», aveva precisato in quel caso. Nessun commento invece sulla fuga d’amore a Courmayeur.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uomini e Donne, gravissimo incidente per Annabella Prisco: è morta la sorella 17enne

next
Articolo Successivo

Sanremo 2021, Fimi: “Pronto il nostro protocollo di sicurezza, ora lo sottoporremo a Cts e Rai”

next