Per monitorare le persone ad alto rischio di contrarre il Covid-19, la Cina ricorre anche ai tamponi anali. La nuova metodologia è già stata applicata la scorsa settimana. Come ha spiegato il medico dello Youan Hospital di Pechino, Li Tongzeng, ai microfoni della tv di Stato, China Central Television, la pratica sembra promettente perché le tracce del virus rimangono più a lungo nel canale rettale, rispetto a quello respiratorio e, quindi, l’uso di test anali “può aumentare il tasso di rilevamento delle persone contagiate”.

I primi a testare i nuovi tamponi sono stati i residenti delle aree di Pechino, dove erano stati accertati vari casi di positività, e alcune persone che si trovavano già in quarantena. Comunque, come spiega l’emittente televisiva, le autorità sanitarie non vorrebbero farne un uso massiccio, alla maniera degli altri tamponi, perché la pratica è considerata “sconveniente”.

Tra gli utenti di Weibo, la piattaforma social più popolare in Cina, la notizia ha suscitato ironie ma anche una certa repulsione. Il Nord-Est del Paese, comprese la provincia di Hebei e Pechino, ha registrato una crescita dei contagi nelle ultime settimane, e le autorità hanno condotto test di massa sulla popolazione delle aree dove si è concentrato il maggiore numero di casi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tre escursionisti bloccati in mezzo a una bufera di neve: il salvataggio in elicottero della guardia nazionale dell’Arizona è spettacolare

next
Articolo Successivo

Polonia, la sentenza che vieta quasi totalmente l’aborto “verrà pubblicata in Gazzetta ufficiale”. Attesa una nuova ondata di proteste

next