Non voleva andare dal dentista per paura di contrarre il Covid e ha iniziato a prendere antidolorifici in dosi sempre più massicce per contrastare il dolore che aveva in bocca a causa di un ascesso. Così è morta a 29 anni per un’overdose di farmaci Alexandria Pierce-Baddeley, a Winsford, nel Regno Unito. A raccontare la sua storia è il tabloid britannico Sun: la donna, madre di una bambina di 9 anni, è stata trovata senza vita nel letto della sua casa. Inutili tutti i tentativi di soccorso: l’autopsia ha accertato che a causare la morte è stato un mix letale di antidolorifici e alcol. Prima di assumere i farmaci, la giovane aveva mandato una foto delle pastiglie al suo compagno, dicendogli: “Tra 20 minuti non sarò in grado di muovermi”.

Sulla vicenda ha aperto un’inchiesta la polizia: inizialmente si era ipotizzato che potesse esser stato un atto volontario, un suicidio, ma poi le indagini e la testimonianza della madre della vittima hanno portato gli inquirenti a concludere che è stato un tragico incidente. La 29enne aveva sofferto in passato di bulimia ed era stata ricoverata in ospedale per epatite, sepsi e polmonite: per questo era terrorizzata dall’idea di prendere il Covid e si era rifiutata categoricamente di andare dal dentista per l’ascesso che le era venuto in bocca. “Si stava curando a casa con antidolorifici e applicando una pasta di curcuma fatta in casa sulla zona interessata – ha raccontato la madre -. Diceva che aveva molto dolore e così ne ha presi sempre di più”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da pilota di aerei a fattorino di Amazon a causa della crisi per il Covid: “I soldi sono pochi, ma non sapevo come fare”

next
Articolo Successivo

Ricoverato d’urgenza per Covid, il suo cane segue l’ambulanza e lo aspetta per giorni fuori dall’ospedale

next