Oggi 21 gennaio sono 100 anni dalla fondazione a Livorno del Partito Comunista Italiano. In occasione dell’anniversario, Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia e l’Istituto Storico Parri, il 20 gennaio, hanno presentato in diretta streaming su Facebook, Memoryscapes – La città rossa, le inedite immagini d’archivio girate da Angelo Marzadori, regista militante, alla mostra del Trentennale del Pci, che si tenne a Bologna a Palazzo Re Enzo nel 1952. La pellicola 8mm è stata restaurata da Home Movies: un tour virtuale nell’immaginario della sinistra dell’epoca, arricchito dalla sonorizzazione originale dal vivo di Guglielmo Pagnozzi e dalla voce narrante di Pierpaolo Capovilla, cantante del Teatro degli Orrori.

La mostra fu un evento molto partecipato dai cittadini bolognesi. Attraverso tableaux, apparati fotografici e testuali, ritratti dei volti di leader – da Gramsci a Togliatti – e persone comuni che parteciparono alle lotte, il percorso espositivo racconta con toni enfatici e celebrativi l’epopea del movimento dei lavoratori e la storia di Bologna e del suo territorio. Le lotte, gli scioperi, la creazione delle cooperative, la nascita del Partito Socialista e del Partito Comunista. E ancora, la rivoluzione russa, le persecuzioni fasciste, la prigionia e la morte di Gramsci, la Resistenza a Bologna, la Liberazione. Tutto è ripreso nelle immagini di Marzadori, che con la cinepresa filma i quadri, i pannelli, i testi, soffermandosi sugli sguardi entusiasti dei visitatori dell’epoca. Le immagini, originalmente in bianco e nero, sono state virate al rosso da Home Movies, per rendere l’atmosfera della mostra e rafforzarne il valore simbolico ed emotivo. In questo senso sono stati aggiunti anche la musica e gli effetti sonori.

“Il virtual tour di Marzadori ci trasmette una narrazione popolare, piena di suggestioni visive e testuali – dice Paolo Simoni di Home Movies – È una sfida lavorare sul linguaggio e i simboli della mostra e del progetto filmico di Marzadori. Le immagini oggi vanno contestualizzate e questo è il nostro compito. Emozionano i tanti volti dei visitatori ritratti ed è ben rappresentato il sentimento di appartenenza che unisce queste persone”, conclude Simoni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pci, quella volta che rubai la bandiera in una sezione toscana (ma poi la riportai indietro)

next
Articolo Successivo

“Morti di Covid? Contano anche gli incidenti stradali”: le deliranti teorie di Ciampolillo. “Non farò il vaccino, chi è vegano si difende meglio”

next