Padre contrario alle vaccinazioni uccide il figlio e poi si suicida. L’uomo si chiamava Stephen O’Loughlin, aveva 49 anni e viveva a San Francisco. Il figlio di nove anni di nome faceva Pierce. Stephen e Pierce sono stati trovati morti nella casa dell’uomo circa una settimana fa. Il riferimento all’idee no-vax di Stephen non sono pretestuose per creare un titolo ad effetto, anzi. Il fatto che l’uomo non avesse voluto far vaccinare mai il figlio e sostenesse punti di vista “complottisti” che People riassume in una dichiarazione dell’omicida/suicida con “il governo ci vuole vaccinare per controllarci”, è stato elemento dirimente per la causa di affidamento del figlio fin dal 2016.

O’Loughlin, infatti, era stato coinvolto in un’aspra battaglia per la custodia con la madre di Pierce dopo il divorzio datato quattro anni fa. Il San Francisco Chronicle, citando documenti del tribunale, riferisce che, per anni, O’Loughlin si è opposto a qualsiasi vaccino per Pierce. La madre di Pierce, Lesley Hu, aveva cercato l’affidamento esclusivo del bambino di 9 anni da luglio 2020. Il processo sul caso doveva iniziare il giorno prima del terribile gesto, ma è stato rinviato a marzo. La signora Hu, sempre secondo il Chronicle, ha accusato O’Loughlin di essere un “no-vax”, sottolineando che la sua “posizione sulle vaccinazioni ha assunto un tono da setta”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donald Trump non molla Gloria

next
Articolo Successivo

Organizzano il compleanno del gatto: 15 positivi al covid-19

next