Sconcerto, indignazione, rabbia, sono i sentimenti che agitano in queste ora le attiviste e le operatrici della Casa delle donne Lucha Y Siesta dopo che un gruppo di agenti del Commissariato Tuscolano è entrato nello stabile di via Lucio Sestio. Approfittando dell’apertura del cancello, sono arrivati fino all’edificio eppoi nelle stanze che accolgono donne e minori vittime di violenza, identificando ad una ad una le ospiti e i loro figli.

Non è un mistero per nessuno, perlomeno a Roma, che la Casa delle donne Lucha y Siesta sia il rifugio di donne e bambini costretti a lasciare la propria casa per violenza. Le identità delle ospiti peraltro sono ben note alle istituzioni perché si tratta di nuclei accolti in collaborazione con altre associazioni e allora – si chiedono le attiviste – “quale sarebbe il senso di questa operazione? Lucha y Siesta è bene prezioso per la città, a cui ogni giorno le istituzioni stesse si rivolgono per dare risposte a bisogni che altrimenti non saprebbero affrontare. È così da 12 anni. Qui ogni giorno si lotta per costruire accoglienza, orientamento e supporto. Non tollereremo dunque il modo scomposto e abusante con cui l’identificazione è stata compiuta, non tollereremo l’arroganza con cui si asfaltano percorsi di donne che lottano per uscire dalla violenza, non tollereremo atteggiamenti inopportuni di chi dovrebbe essere formato contro la violenza di genere, ma evidentemente in modo insoddisfacente e inadeguato”.

????????????????????????????????, ???????????????????? ???? ???????????????????????? ???????????????????????????????? ????’???????????????????????????? ???????????????????????????????????? ???????? ???????????????????????????????????????????????????????????? ???????????????????? ???????????????????? ????????????????????????

Ieri un fatto molto grave…

Pubblicato da Lucha y Siesta su Martedì 19 gennaio 2021

La battaglia per mantenere in essere il progetto di accoglienza di donne vittime di violenza va avanti da anni tra le mura che hanno accolto centinaia di ospiti. Lo stabile è di proprietà dell’Atac, versava in cattive condizioni prima di rinascere come spazio di costruzione dell’autonomia e della libertà delle donne. L’Atac da tempo ne chiede lo sgombero perché intenzionato a venderlo ma la Regione Lazio ha già fatto un deposito cauzionale per la base d’asta. L’intento è di lasciarlo in gestione alle attiviste di Lucha y Siesta per mantenere in vita un’esperienza preziosa. E allora qual è il senso di questo atto di forza da parte delle autorità?

“Questo intervento aggressivo e immotivato della polizia – ha detto Antonella Veltri, presidente D.i.Re – non tiene conto di tutto il lavoro fatto dalle attiviste insieme alle istituzioni per scongiurare lo sgombero, mostra ancora una volta le contraddizioni delle istituzioni che a parole sbandierano il proprio impegno per contrastare la violenza di genere, ma nei fatti agiscono contro le stesse donne che si ribellano alla violenza maschile come è successo ieri a Roma. Resta l’amarezza delle attiviste che criticano duramente una ‘politica vuota e disumana’ e priva persino di buon senso”.

@nadiesdaa

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trovato morto in piazza San Pietro senza fissa dimora di 46 anni: da novembre è la decima vittima a Roma

next