Massimo Giletti torna sul “caso Mauro Corona“, allontanato dalla trasmissione CartaBianca, su RaiTre. Lo scrittore, in data 22 settembre, ha detto “stai zitta, gallina” a Bianca Berlinguer, ha poi chiesto scusa ed ha avuto ‘il perdono’ della conduttrice che tuttavia non è bastato a farlo riammettere per scelta del direttore di rete, Franco Di Mare. E Corona si racconta a Giletti prima con un filmato dalle “sue montagne” (le Dolomiti): “Non ti dà energia una pietra così?”, dice mentre sale su un sentiero. Poi mostra la sua attività di scultore: “La segheria sta per chiudere, questo è l’ultimo pezzo di legno che mi compro”. Infine, arriva il collegamento con lo studio de La7 e sulla ‘vicenda Cartabianca‘ lo scrittore non ha dubbi: “In Rai sono successe delle cose che il mio “gallina” è acqua tiepida. Quanto un intervistato da una famosa trasmissione Rai dice che bisogna licenziare il ‘tal di tali’ perché è andato contro la sua politica e nessuno mette becco. Mi fermo qui con la polemica. Ho chiesto scusa a Bianca Berlinguer la sera stessa ma dato che non bastava chiederlo privatamente, è una specie di ‘vigliaccheria’ farlo a tu per tu, ho chiesto scusa in una pubblicamente. Non l’ho fatto per tornare in Rai e camminare in ginocchio ma perché mi sono sentito un cafone, un maleducato, un rozzo“. I fatti raccontano che quanto dice lo scrittore è accaduto, ovvero la richiesta pubblica di ‘perdono’. Corona continua raccontando lo scambio avvenuto con Franco Di Mare, direttore di RaiTre: “Di Mare lo conosco da almeno 10 anni. Quando ho detto “gallina” l’ho subito contattato. Lui tra l’altro mi chiama ‘fratello’: gli ho chiesto di potermi scusare sulla stessa rete dove avevo sbagliato… Questo è Giuda, perché mentre scriveva a me rassicurandomi, in commissione di vigilanza Rai affermava “mai più Corona”. E allora cosa c’è sotto? Secondo me voleva danneggiare la trasmissione“. Giletti prende la parola per ricordare che Di Mare non è presente ed è dunque piena responsabilità di Corona parlare di ‘boicottaggio’. Ed è la stessa Berlinguer, intercettata da un inviato di Non è l’Arena, a ribadire che la scelta di non riaverlo in trasmissione non è sua: “Il mio auspicio è di rivedere Mauro Corona in trasmissione. Il mio rammarico è che pensavo di potere risolvere io la questione, mi è molto dispiaciuto non potere essere io a gestire questa situazione. Spero di rivederlo presto in studio da me, ma non mi faccio molte illusioni”, ha detto riferendosi all’intervento sulla questione della direzione di rete.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Live Non è la D’Urso, Mauro Bellugi: “Così il Covid si è preso le mie gambe. Non volevo firmare per l’amputazione, l’ho fatto per mia moglie e mia figlia”

next
Articolo Successivo

Live Non è La D’Urso, la rivelazione di Andrea Roncato su Stefania Orlando: “Mi ha lasciato lei, aveva un altro”

next