Anche a Bologna, come in altre città d’Italia, la campagna social IoApro, lanciata online nei giorni scorsi per invitare i gestori dei locali ad alzare le saracinesche contro le restrizioni del dpcm, non ha riscosso grande successo tra gli esercenti. Coloro che hanno aderito si contano sulle dita di una mano. Tra questi uno dei promotori dell’iniziativa, il titolare dell’Halloween pub di via Stalingrado, che ha fatto entrare i clienti, violando le norme, per poi prendersela con polizia e giornalisti. Alcuni di questi, arrivati al locale per documentare, sono stati insultati dal proprietario. Urla anche contro la polizia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, contagi in aumento nelle carceri: ora sono 718. A Milano sono triplicati rispetto a una settimana fa

next
Articolo Successivo

Vaccino, a Forlì 800 dosi andate perse per un guasto al congelatore: la Procura apre un fascicolo, sopralluogo dei Nas in ospedale

next