“La pandemia non esiste come ce la dicono loro”. Mary è la titolare della Parrilla Mexicana un ristorante messicano di Milano, che ieri sera ha aderito alla protesta dei ristoratori #ioapro servendo la cena nonostante i divieti. Così un centinaio di persone si è seduta ai tavoli tra nachos, tequila e perfino una coppia di ballerini che ha scatenato l’entusiasmo dei presenti. Tra i tavoli non sembra esserci la paura né del contagio, né delle multe. Tanto che molti clienti parlano e brindano senza mascherina. “Non temo il contagio qui, ma quando vado a lavoro sui mezzi pubblici” racconta uno dei ragazzi seduti al tavolo, senza considerare che su tutti i mezzi di trasporto c’è da sempre l’obbligo di distanziamento e di indossare le mascherine per tutta la durata del viaggio, a differenza di quanto accade nel locale. Poco più in là le forze dell’ordine in borghese ha iniziato a identificare tutti i presenti e a multare la proprietaria del locale. C’è chi dubita dell’efficacia dei tamponi e chi del numero dei morti. Ma tutti sono concordi nel puntare il dito contro la chiusura dei ristoranti. Roberto è il titolare dell’osteria “Dal Verme” a Isola. “Noi non siamo negazionisti, vogliamo solo lavorare – spiega mentre è costretto a rimandare indietro un paio di clienti perché il locale è tutto prenotato – i ristori non ci servono manco a pagare gli affitti e le bollette”. Rimarrà aperto anche questa sera nonostante le possibili multe e quando gli si chiede della paura del contagio nei ristoranti o nei bar risponde: “Sono scene che abbiamo visto anche nei centri commerciali. Se c’è una pandemia vogliamo essere tutti uguali e dunque o chiudere tutti o rimanere aperti tutti”

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La campagna ‘IoApro’ fa flop: poche riaperture in tutta Italia. Le associazioni di ristoratori: “Non si protesta violando la legge”

next
Articolo Successivo

Roma, cinque morti in casa di riposo a Lanuvio. Intossicazione da monossido per altri sette

next