Ha superato quota 970mila, giovedì sera, il numero di italiani che hanno ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer-Biontech contro Covid-19 (in tutto 972.099). Il Paese resta così primo nella Ue e sesto al mondo per cittadini immunizzati, stando alla classifica di Ourworldindata. Questo a fronte di 1,4 milioni di dosi consegnate alle Regioni, anche se il calcolo in questo caso viene fatto considerando 5 dosi per fiala e non 6, cioè il numero autorizzato dall’Aifa.

Solo Basilicata e Calabria hanno usato meno di metà delle fiale ricevute, mentre la Campania risulta essere la più efficiente con oltre l’85% già somministrato. Segue il Veneto con il 78%. La Lombardia è al 58%. Molte regioni non hanno ancora comunicato le dosi somministrate durante la giornata del 14 gennaio, quindi i dati sono ancora parziali. L’ultimo aggiornamento lo ha fornito il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri: “Sono state vaccinate finora 910mila persone, tutte le dosi sono state distribuite in un tempo brevissimo, il 64% sono state somministrate. Considerando che un 30% di queste vengono tenute nei frigo per il richiamo, sostanzialmente tutte le dosi che arrivano sui nostri territori vengono tutte somministrate”.

I vaccinati sono soprattutto donne – 566.779 – e la maggior parte (quasi 248mila) è nella fascia di età 50-59 anni. Subito dopo i 40-49enni, 190.113. La stragrande maggioranza, 695mila, rientra nella categoria degli operatori sanitari, quelli da cui si è deciso di partire perché sono ad alto rischio contagio e sempre a contatto con pazienti. Solo all’inizio invece la campagna per vaccinare gli ospiti delle Rsa, con 72mila anziani ai quali è stata somministrata la dose.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il report Gimbe: “I ricoveri sono in aumento. Affidarci solo al vaccino è rischioso, serve stretta immediata e rigorosa”

next
Articolo Successivo

Covid, Ricciardi a SkyTg24: “Situazione grave in quasi tutte le Regioni, superato il 30% dei posti letto in terapia intensiva” – Video

next