L’esecuzione capitale di Lisa Montgomery fissata per oggi, 12 gennaio, è stata bloccata. Per la detenuta, che nel 2004 uccise un’altra donna incinta nel Missouri di 52 anni prima di tagliarle il ventre e sottrarle la bambina, sopravvissuta, di 8 mesi, è stata infatti richiesta la perizia psichiatrica. Così la Montgomery, unica donna in attesa nel braccio della morte di una prigione federale, per il momento è salva. Se oggi fosse stata giustiziata, sarebbe stata la prima donna a essere messa a morte, in quasi 70 anni, dal governo degli Stati Uniti e non da un singolo stato. Negli Usa le esecuzioni federali sono infatti rimaste bloccate per 17 anni, prima che il presidente Donald Trump ne ordinasse la ripresa nel 2020. Il presidente eletto Joe Biden, che si insedierà il 20 gennaio, si è impegnato invece a perseguire l’abolizione della pena capitale.

L’esecuzione di Montgomery era stata fissata inizialmente per il mese scorso, l’8 dicembre, ma una sospensione era stata accordata perché il suo avvocato aveva contratto il Covid-19, andando a farle visita nel carcere di Terre Haute, nell’Indiana. La data era stata quindi spostata al 12 gennaio, ma i legali avevano fatto ricorso sostenendo che non si poteva fissare un’ulteriore data, mentre la sospensione era ancora in vigore. La corte aveva inizialmente dato loro ragione, bloccando l’ordinanza del direttore della prigione, ma un collegio di giudici aveva rivisto la decisione, dando il 2 gennaio il via libera all’esecuzione. I legali di Montgomery avevano però annunciato ricorso e, a quanto pare, sono riusciti a bloccare l’esecuzione.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Covid, a San Diego il “super centro per vaccini” nel parcheggio della squadra di baseball: il video della struttura dall’alto

next