Google suite for Education, la piattaforma dedicata alla scuola realizzata dalla multinazionale americana, non è più totalmente gratuita. I collegi docenti con più di 100 partecipanti, non possono più essere fatti usando Meet senza spendere un centesimo. I presidi dovranno mettere in conto di sborsare una quota inferiore ai mille euro per poter acquistare l’intero pacchetto tra cui le riunioni online con centinaia di maestri e professori. Resta, tuttavia, a disposizione gratuitamente tutto ciò che serve per la didattica a distanza: lezioni online, classroom, chat e tutto il resto.

A sollevare la questione è Angelo Capizzi, presidente dell’associazione nazionale presidi della provincia di Genova che in questi giorni ha raccolto le segnalazioni di diversi colleghi che si sono preoccupati per i costi che dovranno sostenere: “Nella fase iniziale della didattica a distanza – spiega il dirigente scolastico – Google ha dato la possibilità di accedere senza costi a tutti i suoi servizi, in particolare a Meet che permette di fare riunioni con tantissime persone. La maggior parte degli istituti in Italia hanno usato il prodotto di Google ma ora ci ritroviamo a doverci misurare con una novità: per fare gli incontri in Meet dobbiamo sostenere dei costi considerevoli. Il ministero dovrebbe intervenire per fare un accordo con la società multinazionale affinché possa essere garantito ancora l’accesso gratuito”.

A chiarire la questione è Google Italia attraverso una comunicazione ufficiale: “Gsuite for Education è e rimarrà gratuito per tutte le scuole, con tutte le funzionalità tipiche della didattica a distanza. La versione Enterprise a pagamento, con funzionalità aggiuntive come la possibilità di fare riunioni su Meet con più di 100 partecipanti, è a disposizione delle scuole che possono richiederla acquistando un numero ridotto di licenze”. Una cifra a cui Google è arrivata grazie anche ad un’intesa con il ministero dell’Istruzione.

L’intenzione della società americana è quella di continuare a sostenere la scuola italiana in questa fase di pandemia. Fino al 30 settembre scorso era tutto gratuito: a pagamento sono tornate solo alcune funzionalità avanzate non legate alle necessità dei ragazzi e delle loro famiglie.

Intanto il ministero dell’Istruzione fa sapere di essere al lavoro per realizzare una piattaforma unica, integrata con tutti i servizi e le funzionalità utili per le scuole, dagli strumenti per la didattica digitale, agli spazi dove archiviare contenuti. A viale Trastevere è stato istituito un gruppo di lavoro per garantire agli istituti il nuovo strumento entro il prossimo anno scolastico. L’obiettivo è quello di costruire la nuova piattaforma con la collaborazione di chi dovrà poi utilizzarla.

Una soluzione che Capizzi critica: “Nel frattempo che il ministero prepara questa soluzione noi che facciamo? Sono arrivati tardi. Noi abbiamo bisogno oggi di avere la possibilità di fare i nostri collegi docenti senza spendere soldi. E poi, sinceramente, non sempre i sistemi informatici ministeriali funzionano in modo adeguato”.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Studenti in piazza anche a Roma contro la didattica a distanza. Cgil: “Nelle periferie della Capitale aumenta l’abbandono scolastico”

next
Articolo Successivo

Scuola, Azzolina: “Chiederò ristori formativi per fare corsi di recupero e aumentare l’aiuto psicologico. La dad colpisce i più deboli”

next