Fondo perduto insufficiente, regole aggirate attraverso le piattaforme online, ritardi nei ristori ed eccessiva burocrazia. La categoria degli agenti di viaggio dopo la pandemia di Covid-19 rischia di morire, il governo ci aiuti“. Questo l’appello lanciato alle istituzioni da Piazza del Popolo, a Roma, nel corso della manifestazione dei lavoratori delle agenzie di viaggio e del turismo, oltre che di guide e accompagnatori. “Ci sono 120mila lavoratori a rischio, servono interventi immediati”, ha rilanciato Enrica Montanucci, presidente del Movimento autonomo Agenzie di viaggio italiane (Maavi), una delle sigle che hanno aderito all’iniziativa. “Molti di noi non hanno ancora avuto accesso al fondo perduto”, c’è chi ha denunciato. Ma non solo. “Aprire comporta dei costi, ma non ci sono clienti e non è possibile vendere nulla. Invece durante le festività abbiamo visto italiani alle Maldive e a Dubai, utilizzando per prenotare diverse piattaforme online. Così si aggirano le regole, una beffa per tutti”, c’è chi ha denunciato. “Non siamo fantasmi, il ministro Dario Franceschini ha fatto poco o nulla per il turismo. Chiediamo che ascoltino chi davvero vive e lavora in questo settore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ti auguriamo una vacanza indimenticabile”. Il biglietto d’auguri della Xpo ai dipendenti che hanno perso il lavoro: “Oltre al danno la beffa”

next
Articolo Successivo

Covid, guide turistiche in piazza: “In centinaia esclusi dal fondo perduto, chiediamo ristori e il riconoscimento professionale”

next